Il Maratoneta Bistrot: il tocco forte dei sapori

Il Maratoneta Bistrot: il tocco forte dei sapori

Correndo tra una sfilata ed un’altra di AltaRoma pausa enogastronomica al Flaminio.
Quante volte durante il giorno non abbiamo tempo per parlare con calma e gustare la nostra pausa pranzo senza pensare ai prossimi impegni? Siamo tutti dei corridori che sfrecciano nel traffico, tra le file della metro e il caos della vita… atleti sempre pronti a scattare e dribblare i contrattempi, a saltare gli ostacoli e superare il traguardo della routine. Il tempo è denaro, il cronometro dei nostri momenti di piacere, ma c’è un posto speciale che del tempo e dello sport ne ha fatto un marchio, Il Maratoneta Bistrot, ristorante che eredita il nome dal suo primo proprietario, un ex maratoneta. Si trova a due passi dal Maxxi e l’Auditorium Parco della Musica; attivo dal 1970, è un luogo dove la velocità sta nel servizio ed  il tempo è dedicato al piacere del buon sapore e dei piatti ricercati. Tre generazioni di amanti del cibo, un servizio sempre svolto in nome della passione per la tradizione culinaria e l’innovazione, un unione di gusti che esplode nei piatti in un mix particolare tra classicità e rinnovamento, incontro tra i sapori forti del sud e i classici della cucina, un esplosione di profumi che avvolge e colpisce il cliente. Passando di lì, se di corsa o con calma, dopo una mostra o un evento, le specialità proposte sapranno soddisfare i diversi gusti con prodotti naturali, verdure a km zero e un’ampia scelta di piatti che variano dalla cucina romana a quella vegetariana, affiancate da sapori pugliesi e campani dei piatti tipici.

Da dove nasce questa fusione ?

Dalla volontà di stimolare la curiosità del cliente verso un piatto diverso con l’intento di incoraggiare la mente ad apprezzare il  contrasto tra il classico e il moderno, tra territori differenti con sapori lontani ma che creano un mix invitante e stimolante. La forza sta nella creatività dello chef che ogni giorno propone un aperitivo differente,  primi piatti con specialità di mare come le penne al gambero rosso, gli antipasti e le famose “insalate fresche dell’orto”, molto amate e richieste come la particolare insalata con le arance tarocco provenienti  dalla Sicilia.

Una volta provati questi sapori si dimenticano i mille impegni da affrontare e l’unico maratoneta che conta è quello che unisce il territorio romano con i sapori del sud, Il Maratoneta Bistrot.

Foto di Nicoletta Botticelli

Info:
Il Maratoneta Bistrot
P. Zza Apollodoro 4, 00196 Roma
063204840
FACEBOOK

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.