The Chianti Connection e la salvaguardia dei patrimoni culturali

The Chianti Connection e la salvaguardia dei patrimoni culturali

GAIOLE IN CHIANTI – Da oggi, anche per quest’anno, torna The Chianti Connection, il meeting di esperti nazionali e internazionali, focalizzato sulla salvaguardia e la valorizzazione dei patrimoni culturali, organizzato da 999Contemporary a cura di Stefano S. Antonelli.

Connettere e riunire intelligenze multidisciplinari allo scopo di stimolare discussioni informali su questioni culturali. È questo l’obiettivo di The Chianti Connection, l’appuntamento annuale che cerca di esplorare da diverse prospettive economiche tutto il potenziale dei patrimoni culturali, con un focus particolare sul Chianti, vero tratto distintivo della regione.

L’edizione di quest’anno si svolgerà dal 18 al 20 agosto nella bellissima e consueta cornice di Gaiole in Chianti, incantevole borgo a pochi chilometri da Siena.

Il Chianti Classico è il vino per eccellenza, quello che ha reso famosa la Toscana in tutto il mondo, quello, per capirci, che spopola in Cina e negli Stati Uniti senza mostrare alcun segno di cedimento.

L’argomento vino però non sarà il solo toccato; al centro del progetto Chianti Collection c’è un unico vero protagonista, vale a dire il patrimonio culturale. L’appuntamento si varrà infatti della presenza di numerosi esperti, pronti ad affrontare numerose tematiche.

Si parlerà di come gestire un patrimonio culturale a livello organizzativo, grazie alla presenza del Professor Martin Piber (Innsbruck University), di come rendere accattivante il prodotto (a parlarcene sarà Monica Fabris, esperta di psicologia dinamica applicata alla metodologia della ricerca sociale) e di come inglobare il tutto all’interno di un’azienda, grazie all’intervento della Professoressa Lucia Biondi, docente di amministrazione aziendale presso il Dipartimento di Studi Aziendali dell’Università Roma Tre.

La lista degli “specialisti” non finisce certo qui. Tra gli altri troviamo Fabrizio Fasani, esperto in Business Planning, Mauro Rosati di Fondazione Qualivita e l’Avvocato Alberto Improda, (titolare dello Studio Legale Improda, Avvocati Associati con sede a Milano, Torino, Roma, Treviso e Genova), presidente di CittàItalia, fondazione nata con l’obiettivo di promuovere numerose campagne di sensibilizzazione e di raccolta fondi, finalizzate al recupero, alla tutela, alla conservazione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico, nonché alla sua fruizione da parte di tutti i cittadini, interagendo con le comunità locali ed il territorio, e l’Avvocato amministrativista Angelo Argento, Presidente dell’Associazione Cultura Italiae, istituzione indipendente per l’innovazione dello sviluppo culturale, consulente giuridico del Mibact.

Insomma, un’iniziativa davvero interessante, che cerca di proteggere un qualcosa che fa parte di noi, e che noi abbiamo il diritto e il dovere di proteggere ad ogni costo.

Ecco il programma:

18 Agosto 2017 / Casa Le Piana

– 18.00 Aperitivo accoglienza / Saluto Sindaco di Gaiole in Chianti, Saluto del Capitano della Lega del Chianti / Introduzione ospiti, obbiettivi, regole e attività del meeting / Cena a Casa Le Piana

19 Agosto 2017 / Casa Le Piana

– 09.00 Video Monica Fabris: stato dell’arte rile- vazione sociale, teoria e efficacia degli indici, case study / Live Piber: cultural mapping / Live Biondi: patrimonio culturale / Tema: usabilità culturale, attrattività commerciale, attrattività finanziaria. -13.00 Pranzo a Casa Le Piana

-15.00 Fine dei lavori
-18.30 Visita Cantine Castello di Brolio -20.30 Cena libera

20 Agosto 2017 / Casa Le Piana

– 09.00 Live Solinas: culture materiali / immate- riali / Attività: test di un sistema di analisi, fall- out / Tema: gestione sistemi complessi – Fasani
/ Tema: proiezione del sistema nello scenario politico-governamentale, burocratico e giuridico – Argento-Improda / Attività: Esperimento di creazi- one C-Map e COI di tre località del Chianti

-13.00 Pranzo a Casa Le Piana -15.00 Fine dei lavori

Leave a Reply

Your email address will not be published.