Il Diavolo e l’Acqua Santa. Intervista Doppia Sickwolf Donato Inglese

Il Diavolo e l’Acqua Santa. Intervista Doppia Sickwolf Donato Inglese

ROMA – Icardi, Juve, Zaniolo, Champions League e molto altro. I due fenomeni di YouTube affrontano con noi le principali tematiche legate al calcio italiano. Ecco a voi un’intervista doppia che farà chiarezza anche sul rapporto, spesso controverso, tra i due.

Due YouTuber calciofili di successo che non potrebbero essere più diversi. Uno è foggiano, l’altro romano, uno ama gli sfottò, l’altro si mantiene equilibrato e tifa le italiane in Champions. Uno tifa Inter, l’altro parteggia per la Roma, uno considera Icardi una sciagura, l’altro lo annovera tra i centravanti più forti del mondo. Sono molti gli argomenti su cui Donato Inglese e SickWolf sono praticamente agli antipodi, ma una cosa li accomuna: il successo sempre in crescita e l’incredibile seguito di followers su YouTube. Ecco a voi una divertente intervista doppia per conoscerli ancora meglio nella quale abbiamo parlato di moltissimi argomenti, dal rapporto tra i due allo strumento YouTube, dalla possibile eliminazione della Juventus dalla Champions, fino ad arrivare al caso Icardi. Non manca qualche frecciata simpatica tra i due ma possiamo dire con certezza in fondo in fondo, Donato Inglese e Sickwolf si vogliano (quasi) bene.

INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE

Cosa ne pensi dell’altro? C’è qualcosa che invidi di lui?

SICKWOLF: Inizialmente ce l’avevo un po’ con lui, ogni tanto in alcuni video mi attaccava e parlava di me in modo infelice. Ero alle prime armi, non capivo i meccanismi di YouTube e non mi era mai successa una cosa del genere. Poi crescendo e entrando sempre di più in questo mondo ho capito che Donato nei suoi video, interpreta un personaggio, caratterizzato, esuberante, polemico e pronto allo scontro. Ora, quando succede, non mi fa né caldo né freddo. Cosa gli invidio? Mi sarebbe piaciuto fare l’arbitro, una componente del background di Donato molto pregnante. Nella mia vita ho giocato a calcio per 8 anni e allenato per 2, ma il ruolo di arbitro mi manca e sono sicuro che mi avrebbe fatto crescere e capire ancora di più. Per il resto non gli invidio nulla, abbiamo due modi di fare completamente diversi, due stili opposti, non c’è invidia tra noi.

DONATO INGLESESickwolf è uno dei giovani più emergenti e brillanti di YouTube. Gli invidio i numeri, lui ci ha messo pochissimo ad arrivare ad alti livelli e ha fatto il triplo di me in pochissimo. Mi piacciono i suoi video, anche se abbiamo stili diametralmente opposti, lui si definisce un analista del pallone, io invece considero YouTube una piattaforma perfetta per fare sfottò. Io prendo in giro tutti, soprattutto gli juventini, lui invece è romanista e ne tesse sempre le lodi. Liberissimo di farlo, ma io non sono sulla sua stessa lunghezza d’onda, non mi sognerei mai di essere filo-juventino. Una volta si è addirittura messo la maglia della Juve, poteva evitare, anche se non ce l’ho assolutamente con lui, il suo lavoro lo sa fare molto bene.

intervista doppia Sickwolf Donato Inglese
INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE: “Il Maestro” Donato Inglese

Com’è il rapporto tra voi due? Avete mai pensato di fare una collaborazione insieme?

SICKWOLF: Non abbiamo mai avuto un contatto diretto, quindi il rapporto personale non c’è. Prima come detto, pensavo molto male di lui, ora, dopo aver capito alcune cose, ci farei 4 chiacchiere magari bevendo un caffè. Una collaborazione però la vedo difficile per i motivi di cui ti ho parlato prima, i nostri stili sono troppo diversi.

DONATO INGLESE: No, non abbiamo mai avuto rapporti diretti, giusto qualche sfottò da parte mia ma non ci siamo mai conosciuti. Per quanto riguarda una collaborazione in futuro perché no? Il futuro non sai mai cosa ti può riservare!

Qual è il giocatore a cui sei più legato di sempre? E il più forte?

SICKWOLF: Quando fai una domanda del genere a un romano e romanista ti risponderà sempre e solo Totti. È stato il giocatore che mi ha fatto innamorare del calcio, quello che mi ha accompagnato per tutta la mia adolescenza. Insomma, Totti è Totti. Cercando di essere obiettivo, dico una banalità citando Maradona. Qualche mese fa l’ho visto giocare al derby del cuore e il suo tocco non si batte. Ancora oggi a 60 anni suonati e con tutte le problematiche extra campo che ha vissuto, ha un piede superiore a calciatori del calibro di Hazard e Ibrahimovic, non ce n’è.

DONATO INGLESE: Ne porto 3 nel cuore: Diego Milito, Lothar Matthaus e Luiz Nazario Da Lima Ronaldo, il fenomeno. Il più forte è sicuramente Ronaldo, non ci sono paragoni.

intervista doppia sickwolf donato inglese
INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE: Sickwolf

Durante la realizzazione di quale video ti sei divertito di più?

SICKWOLF: Il primo che mi viene in mente è quello legato alla storia di Ranieri e del Leicester, dal trionfo storico in Premier League al clamoroso esonero avvenuto pochi mesi dopo. Feci una parodia della vicenda, riscrivendo il testo in chiave ironica del brano “Ulisse” di Lou Lou. Andò bene in termini di views e fu davvero divertente allestire il tutto. Mi diverte molto anche quando mi cimento in collaborazioni con altri youtuber, si passa del tempo insieme, ridendo, scherzando e facendo quello che ci piace.

DONATO INGLESE: Quando la Juve perde mi diverto sempre, posso sprigionare tutta la mia creatività negli sfottò. Uno recente che mi ha molto divertito l’ho fatto in occasione dell’eliminazione della Juve in Coppa Italia con la Zapatone Dance. Spero di farne un altro tra qualche settimana, spero vivamente che i bianconeri escano contro l’Atletico.

Cos’è che proprio non sopporti dei tuoi colleghi youtuber?

SICKWOLF: Non mi piacciono gli YouTuber che vivono nell’assoluto, solo bianco o nero. Non ci sono vie di mezzo, se porti avanti una crociata non puoi cambiare idea qualsiasi cosa succeda. E soprattutto, vivete e lasciate vivere! Io ad esempio tifo le italiane in Europa e non mi sognerei mai di criticare chi fa il contrario. Spesso invece molti miei colleghi sono pronti a mangiarti vivo se non segui il loro pensiero e questo non va bene.

DONATO INGLESE: Non sopporto gli Youtuber che cercano di fare successo tramite gli altri. A me è successo con Mario Inter, youtuber interista; io da sempre critico Icardi, lui ha cercato di prendere tutti quelli che mi guardavano ma che erano fan dell’argentino e si è creato uno spazio così. Adesso però, lui e i suoi seguaci sono in grande difficoltà perché la battaglia su Icardi l’ho vinta io, basti pensare a quello che sta combinando nello spogliatoio dell’Inter! Insomma, un epilogo meritato, Mario Inter oggi viene largamente spernacchiato dai suoi stessi fedelissimi!

INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE
INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE: Mauro Icardi, 25 anni.

Cosa pensi del caso Icardi-Wanda Nara? Trovi giuste le soluzioni trovate dall’Inter?

SICKWOLF: Bisogna capire quali soluzioni ha trovato l’Inter, a me non sembrano troppo chiare. Cosa è successo davvero? Perché Icardi non è stato reintegrato in rosa? E’ davvero infortunato? E perché se ora è tutto a posto non gli ridanno la fascia? Poca chiarezza, il modus operandi non mi convince. Riguardo Wanda Nara e Icardi voglio dire un po’ di cose. In primis, e so che questo a Donato non piacerà, reputo Icardi uno dei centravanti più forti del mondo. Credo però che il comportamento della coppia, che ogni 6 mesi chiede un aumento del contratto sia inqualificabile e stoni tremendamente con il ruolo che ricopre o ricopriva Icardi nello spogliatoio, vale a dire quello di capitano. Secondo me il connubio con l’Inter è concluso e la società nerazzurra dovrebbe cederlo a giugno, per non rischiare di sfasciare ulteriormente uno spogliatoio già parecchio scricchiolante. In conclusione, su Wanda, dico che se fosse un uomo non verrebbe linciata così mediaticamente; anche se il suo comportamento in quanto a negoziazioni non è certo tra i più corretti, paga il fatto di essere donna e moglie del diretto interessato.

DONATO INGLESE: Credo di essermi espresso chiaramente su questo punto: Icardi è la rovina dell’Inter. Sono davvero felice delle decisioni prese dal nuovo assetto societario, anzi non me lo aspettavo. Marotta ha capito che Icardi era la mela marcia dello spogliatoio e spero che a giugno lo venda al miglior offerente. Secondo me andrà via, al 100%.

INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE
INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE: Nicolò Zaniolo, 20 anni

Secondo te dove può arrivare Zaniolo? Ti ha dato fastidio lo scherzo delle Iene?

SICKWOLF: Io credo possa arrivare molto in alto, ma è fondamentale che si gestisca nel modo migliore, altrimenti rischia di bruciarsi. Si parla spesso di un suo trasferimento alla Juve a giugno, sarebbe una sciagura per il ragazzo. La Juventus è una società che ti spreme, dove i risultati, o arrivano o sei fuori ed è giusto così, i bianconeri puntano sempre agli obiettivi massimi come Barcellona, Real Madrid, Bayern Monaco. Zaniolo deve crescere e Roma mi sembra l’ambiente migliore per lui, una piazza calda, con le sue difficoltà certo, ma non con l’assillo della vittoria. Farebbe meglio ad andare al Napoli o al Borussia Dortmund che alla Juve, ma credo che la soluzione migliore sia una permanenza di Nicolò a Roma. Lo scherzo delle Iene l’ho trovato fastidiosissimo, un conto è scherzare su di lui e con lui, un conto è fare battute sconce alla madre davanti al ragazzo. Una caduta di stile!

DONATO INGLESE: Su Zaniolo non mi voglio esprimere. Non mi aspettavo una tale esplosione così repentina, ma andiamoci piano, ne deve fare di strada. Aspettiamo un anno e mezzo e capiremo quanto è forte. Sullo scherzo vado controcorrente, a me ha divertito e non capisco tutte quelle critiche al giornalista de Le Iene, in Italia ci si prende troppo sul serio.

La Juventus riuscirà a passare il turno di Champions League? Speri che passi o che esca?

SICKWOLF: So che molti sperano che esca, ma io mi auguro che passi il turno, anche se sarà quasi impossibile. Fare 3 gol all’Atletico è un’impresa titanica, ma se c’è una squadra che può riuscirci è la Juve, vedi la quasi rimonta dello scorso anno al Bernabeu contro il Real Madrid.

DONATO INGLESE: I bianconeri hanno il 30% di possibilità di passare. La gara di ritorno sarà molto tattica e secondo me stavolta, Allegri non la spunterà. Ci sarà al massimo un gol, anzi ti dirò di più, c’è più possibilità che l’Atletico faccia un gol che la Juve ne faccia 3. Io comunque spero che esca, se la Juve perde sono contento e faccio un bel video sfottò.

INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE
INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE: Cristiano Ronaldo, 34 anni

Ci fai un pronostico sui principali traguardi della Serie A? Le prime 4 classificate, chi va in serie B?

SICKWOLF: La mia classifica è: Juve prima naturalmente, poi Napoli, Inter e Roma. Dai si, voglio fare il tifoso e mettere la Roma in Champions, anche se ora come ora mi verrebbe da dire Milan per il gioco che sta esprimendo. In B ci vanno Chievo, Frosinone e Empoli, il Bologna alla fine riuscirà a salvarsi. Ah! E la butto lì, la Fiorentina vince la Coppa Italia!

DONATO INGLESE: Le prime 4 saranno in ordine Juve, Napoli, Milan e una tra Roma e Inter. Sono molto indeciso tra queste due, dopo il derby ne sapremo di più. In Serie B ci vanno Chievo, Frosinone e Bologna.

In conclusione, c’è un messaggio particolare o un consiglio che vuoi dare all’altro?

SICKWOLF: Donato mio, cerca di mettere dentro ai tuoi video anche il Donato uomo e non solo il Donato personaggio!

DONATO INGLESE: No, consigli non sono io a doverli dare visti i numeri di Sickwolf, anzi sono io a dover imparare qualcosa da questo punto di vista. Dai se proprio devo, Sickwolf! Fai qualche video sfottò sulla Juve, sei romanista non puoi non prenderli in giro anche a costo di perdere qualche iscritto!

Grazie Sickwolf, Grazie Donato! Rimarremo connessi per assistere alle vostre peripezie sul tubo!

INFO INTERVISTA DOPPIA SICKWOLF DONATO INGLESE

Donato Inglese Canale YouTube

Sickwolf Canale YouTube

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.