L’arcobaleno di Cristiano Burani

Lo spazio dove sfila Cristiano Burani per milano moda donna: l’Arengario (nuova sede del Museo del Novecento), è fantastico. Si accede tra il Duomo ed il Palazzo Reale. La sala fresca restaurata accoglie modelle androgine che fondono ed interpretano l’arte stilistica di questo designer.

IMG_3379 IMG_3381

Il ritmo ed i colori mi rapiscono, ma quello che amo di più nella moda di Cristiano Burani è il taglio. Al termine scambio con lui un paio di battute:

– Cristiano la tua collezione (Autunno Inverno 2016/17) è determinata da fluide geometrie. Qual’è la tua fonte d’ispirazione?

-Io amo da sempre il tessuto prima, ed il  design a seguire. Poi l’amore per la moda uomo determina il resto. Questa THE RAINBOW COLLECTION è un gioco di scambio, tra l’uomo e le sue giacche, la struttura maschile dei grandi volumi e le silhouette aderenti che illuminano il corpo femminile.

L’arcobaleno è il glitter iridescente che illumina i gessati come polvere di stelle.

Burani IMG_3395

E’ un gioco di ruoli?

-Sì, parto dalle geometrie con pieghe e volumi “over” che si miscelano con elementi iperfemminili come il pizzo ed il lurex.

Ma anche il tulle plissettato e laminato è abbinato ai tessuti maschili. Mi piace sorprendere con i contrasti-

Burani Burani

Cristiano Burani crea una collezione che parte dalla tradizione per esprimere una nuova estetica enfatizzando la sensualità del confort fatta di linee contrapposte da insolite lunghezze negli abiti e nelle gonne a vita alta. Reinterpreta tutte le lunghezze, dalle super corte passando per le midi e giocando con capi spalla in pelliccia o velour dall’appeal metropolitano. Insomma i volumi importanti ed avvolgenti vengono attraversati da righe arcobaleno in lurex. E’ un urban style, con un design contemporaneo che rivede le proporzioni reinterpretati in nuovi equilibri. Un total look dall’allure metropolitano.

Anche la pelle s’illumina con intarsi ad effetto cangiante e cady laminato iridescente. La grafica, monocolore, a disegno optical per abiti dal volume fluido abbinati a cardigan di maglia destrutturati dalla palette di colori indigo blu, rosso passione, nero seducente, blush aubergine, acquamarina e bronzo, laminati e glitterati definiscono un nuovo concetto di eleganza, firmato Cristiano Burani.

 

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Cristiano Burani

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.