Le novità di Cincinnato al Vinitaly 2019

Le novità di Cincinnato al Vinitaly 2019

VERONA – Anche quest’anno l’eccellenza enologica di Cori (provincia di Latina) è stata presente al 53° Vinitaly, il prestigioso salone internazionale dei vini e dei distillati, che si è svolto al VeronaFiere dal 7 al 10 Aprile.

Nella più importante manifestazione italiana dedicata al mondo del vino, è stata ancora una volta presente l’Azienda Cincinnato a promuovere il patrimonio vitivinicolo locale e le sue antiche tradizioni.

Il Vinitaly per l’azienda, come negli anni precedenti, è andato abbastanza bene. Hanno avuto una buona affluenza, buoni visitatori, con un numero importante di clienti che sono passati nello stand che si sono confermati come quelli dello scorso anno, per la maggior parte giapponesi, russi, canadesi, e americani.

L’azienda Cincinnato, che ha peraltro in programma una linea di vini biologici, ha presentato in questa edizione delle novità, ovvero: la prima annata di Puntinata, malvasia del Lazio in purezza: vino bianco, prodotto solo con Malvasia Puntinata o Malvasia del Lazio, Enyo, riserva Bellone, e Kora, riserva di Nero Buono.

cincinnato

L’enologo, Carlo Morettini, ci ha presentato questi vini in maniera più dettagliata: “La prima  novità è la Malvasia Puntinata, Malvasia in Purezza o Malvasia del Lazio, chiamata cosi per il nome del vitigno. È un vitigno a bacca bianca, fa parte della famiglia delle Malvasie di cui ne esistono 17 varietà, largamente diffusa nel Lazio soprattutto sulle colline di origine vulcanica dei Castelli Romani e nella zona di produzione della doc Marino. Viene chiamata puntinata per quel puntino nero che contraddistingue gli acini in maturazione. È composta da buoni profumi floreali e erbacei e di frutta bianca, con un buon volume del prodotto e una buona lunghezza sia al palato che all’olfatto. Diciamo che si trova al livello del Castore (che ricordiamo essere uno dei migliori vini dell’azienda, di seguito il link ) nonché una distribuzione di un prodotto di qualità alla portata di tutti. L’altra novità sono le due riserve. Si parlava già da diversi anni di una riserva sia bianca che rossa, siamo partiti con questo vino rosso, che abbiamo chiamato Kora, naturalmente di Nero Buono, datato 2015 ci sono stati quattro anni di affinamento sul legno, ed è un piccolo quantitativo, circa 50 ettolitri. Su questa riserva abbiamo una gradazione di 14 gradi, con una corposità, con dei profumi molto intensi, molto strutturati, insomma un estratto veramente importante. Kora è il vino dedicato al nostro territorio di Cori.

cincinnato

Poi abbiamo una bianca di Bellone che abbiamo chiamato Enyo, è vino vinificato nel 2017, ha passato il legno ed è un prodotto molto più strutturato, molto più complesso e molto più importante, e che andrà a sostituire il Pozzodorico (altro prodotto dell’azienda ). Enyo è un vino Bellone in purezza prodotto dalla selezione delle nostre migliori uve, vinificato a parte e affinato sul legno. Il nome rappresenta un omaggio alla storia e alla mitologia.

Su queste due riserve c’è una fascia di prezzo elevata, l’Enyo viaggerà intorno ai 8.00 / 8.50 euro mentre il Kora avrà un prezzo che si aggirerà intorno ai 10.00 / 12.00 euro, questo perché non ce ne saranno molte di queste due riserve, sono 80/100 ettolitri, e quindi possiamo definirla una versione limitata. La Malvasia Puntinata, invece, sarà intorno ai 4.00 / 5.00 euro.

cincinnato

C’è stato confermato il Metodo Classico, che sta prendendo piede ed è una gran bella soddisfazione perché non è facile nella regione Lazio fare un prodotto tanto buono soprattutto in versione spumante. E poi i soliti prodotti di sempre: Castore, Illirio, Raverosse, Polluce, Arcatura una buona squadra che si presenta bene. Tutti i clienti che sono venuti a trovarci si sono trovati concordi che i prodotti sono buoni sono validi e rispetto a tutte le fasce di mercato che vanno a coprire sono validi e questo ci fa ben sperare.”

Cincinnato è riuscita anche quest’anno ad avere dei contatti con l’estero, giapponesi canadesi russi svizzeri, quest’ultimi sono rimasti entusiasti dei prodotti. In più anche contatti con il mercato nazionale, che resta sempre importante.

Cincinnato al Vinitaly 2019

Martina Morettini

Classe ’92. Sono un pasticcio di persona, ma non fraintendetemi, sono leale. Da parte di padre sono per metà veneta e metà umbra, da parte di madre metà di Cori e metà di Bassiano. Amo la mia minuscola famiglia. Mi piace molto leggere, tant’è che la mia camera da letto sono riuscita a trasformarla in una libreria. Appassionata di enogastronomia, una delle tante cose di cui mi vanto è di essere italiana.
Martina Morettini

Latest posts by Martina Morettini (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.