What’s on Watch

What’s on Watch

Ecco che vi raccontiamo le tendenze orologi per l’uomo che vuole sorprenderci. L’uomo ha mille modi per colpire nel vestire e sicuramente anche con l’accessorio. Continuiamo a dire che noi abbiamo mille gioielli che possiamo variare, e loro no, just a watch!

Se veramente così fosse sarebbe un po’ noioso, o forse scontato. Il tutto dipende dalla capacità della scelta e, soprattutto, dell’abbinamento. Sappiamo bene che le regole non valgono più: abito classico ed orologio prezioso, abbigliamento casual ed orologio sportivo, look formal ed orologio elegante,  look un-formal ed orologio trendy e per il tempo libero e, per lo sport, orologio sportivo performante.

Sono arrivata a chiedermi dunque se ci fosse attualmente una nuova regola nell’abbinamento, e se questa variasse tra un ragazzo ed un uomo maturo, tra uno studente ed un manager, tra un artista ed un professionista. Mi chiedevo quale fosse la marca di orologio più di tendenza. Ce ne sarà una in particolare?

L’unico modo per scoprire la verità non è certo sfogliare le riviste con le innumerevoli pubblicità di orologi, ma chiedere alle varie aziende le analisi di fatturato (se in crescita o in perdita) e conoscere così le tendenze di andamento nel mercato dei vari marchi che ne decretano la sconfitta o il primato. Ho così iniziato a guardare i siti di vendita online. E qui ho scoperto brand a me inizialmente sconosciuti, e ritrovato alcuni must che pensavo dimenticati, così ho cominciato a guardarmi anche in giro.

Infatti, quello che volevo fare io, era scoprirlo al di là delle statistiche, intervistando e fotografando amici, colleghi, studenti e personaggi che incontravo sia nel mio tempo libero, che negli incontri professionali. Questo non mi porta a designare un marchio “vincitore”, ne ad analizzare (come il mio mestiere mi impone di fare), i vari target e classificarli per scelta. Ma a disegnare delle linee guida del look perfetto “ma non troppo”.

Il tutto è iniziato quando alla pausa di un meeting di lavoro presenziata dall’AD dell’azienda, scorgo tra il look formal impeccabile: camicia, cravatta e vestito sartoriale, che ai polsini della camicia ci sono un coppia di gemelli in acciaio Mont Blanc, ed abbinato un orologio alquanto stravagante, in gomma nera con ghiera in acciaio e viti (simil Cartier), con grande quadrante e dal marchio inconfondibile: Toy Watch. Match veramente snob! Così come ad un quick lunch all’aria aperta noto un altro imprenditore, dal look più alternativo con camicia celeste impeccabile, con una giacca antivento blu, sciarpa bohemienne annodata al collo (blu con pallini in gradazione), ed immancabile sigaro (com’è nella tradizione “boss”), sotto ai polsini brilla un Rolex vintage in acciaio.

Lo stesso contrasto lo colgo quando incontro in una serata organizzata dall’Università, con colleghi professori e studenti. Qui Nicolò è in veste formal chic, dai jeans e camicia celeste coperta da pullover grigio, ed indossa un Jaeger-LeCoultre Reverso. Gli chiedo perché ha scelto quell’abbinamento e lui mi racconta che è il suo preferito in quanto è un orologio di grande precisione meccanica, assoluta finezza e la sua grande classe è determinata dal fatto che non è appariscente. Per questo gli piace mixarlo con abiti anche informali. Invece quando indossa un look più classico, per un appuntamento di lavoro o una serata, predilige il Daniel Wellington Classic Sheffield. Anche Pablo, uno studente spagnolo, coetaneo degli altri, indossa jeans, camicia e giacca, e lo stesso Daniel Wellington Classic Sheffield. Ma mi dice di prediligere gli orologi grandi, tra cui lo Swatch di acciaio ed Armani Exchange. Così il mio collega Federico, che invece di anni ne ha 56 anni, predilige un Daniel Wellington St. Mawes, che qui indossa con camicia scura e pantalone chiaro. Infatti dice che lo adotta sia per tutti i giorni, che per un’uscita serale. Invece Francesco, che ha più o meno 25 anni come Nicolò, ma dal look decisamente più sportivo, (t-shirt bianca e jeans scuri),  indossa un Nixon Newton. Infatti mi dice che nel suo tempo libero predilige orologi sportivi e tecnologici per poterli abbinare con il tipo di abbigliamento che indossa abitualmente. In questa serata Luigi sceglie di indossare, con giacca e camicia, il suo Patek Philippe nautilus jumbo, ma non perde occasione per confessarmi che, essendo anche lui un giovane laureato dal look sportivo, gli piace anche il Daniel Wellington. Ma d’altronde Luigi sportivo lo è realmente, dato che è un calciatore professionista, ma per questa serata più formale in cui ci siamo “noi prof.” Ha scelto una linea più elegantemente classica.

I fidanzati di due delle mie studentesse invece indossano un Timex. Uno con jeans, camicia e maglione, e l’altro con polo su pantaloni scuri. Chiedo a Diego, che è anche lui giovanissimo e per professione fa lo chef, come mai questa preferenza e mi dice che il suo orologio preferito è Timex sia per affezione e sia perché gli piace. Inoltre sta bene in ogni occasione formale e non, e si abbina facilmente essendo classico ma allo stesso tempo giovanile.

Invece il mio collega Antonio, (che di anni ne ha 38), con giacca e camicia, indossa il  modello expedition rugged cronografo sempre della Timex, perché secondo lui l’orologio con cronografo unisce eleganza e professionalità.

Oramai la mia ricerca ha preso il via, mi contagia giornalmente nelle mie riunioni e nei miei appuntamenti galanti, al lavoro ed in campagna nel weekend. Così fotografo Michele, poi Andrea, Luca e Daniele dove in una serata formal, uno indossa con camicia bianca o celeste, jeans e scarpa tipo Dulio, il NIXON RE-RUN (orologio digitale all black), ed un altro il CHEAPO HAROLD, sempre black. Anche il giovanissimo Luca, che ha 18 anni, indossa il Nixon Rhythm con T- shirt colorata e pantalone da barca. Siamo in un pomeriggio in campagna e quindi lui mi conferma che è il suo watch per le uscite pomeridiane. Nelle sue preferenze ci sono comunque gli orologi grandi e digitali (perchè più agevoli per leggere l`ora), e predilige quelli di gomma e colorati proprio perché, essendo così giovane e dinamico, si adattano al suo tipo di abbigliamento. Qui ogni look, dall’informale di Andrea con Tissot vintage e jeans, Superga e camicia, o come il Rolex portato distrattamente dal suo collega che indossa una felpa Converse, a Michele che con un pull Gant ed una bella camicia indossa il CASIO d’annata, che più vintage di così si muore! Poi, rimanendo tra gli orologi che hanno una storia, Franco indossa un REVUE di 50 anni, (più o meno la sua età) dal cinturino in coccodrillo, a contrasto con il jeans  e la camicia denim Trussardi. Luciano invece in look casual abbina con un pull Gant un orologio Tommy Hilfiger.

Elegantissimo nel suo lusso “casuale” invece il mio amico Silvano, colto in un momento di relax nella lettura del libro, sfoggia un bellissimo Eberhard. E se la classe non è acqua ecco che colgo uno scatto ad un collega dall’english look, che apre la portiera della sua mini indossando un Omega Sea Master degli anni ’60.

Ed a parte questi bellissimi e preziosi brand da comprare in gioielleria, sono andata a ricercare anche tutti i marchi e i modelli più accessibili che è possibile acquistare online. Sono numerosi i siti che propongono articoli di orologeria nuovi o usati.

Kronoshop.com  e Orologi Shop offrono una vasta scelta di orologi nuovi delle marche più conosciute e articoli per tutte le fasce di prezzo. Chi non vuole rinunciare ai modelli intramontabili senza spendere cifre esorbitanti può optare per un classico di seconda mano su Subito, portale di annunci aggiornato con continuità, o consultare il catalogo di Eora, che include modelli da polso contemporanei, mentre gli amanti di pezzi da collezione potranno acquistare Rolex cronografi e sportivi d’epoca su Ascari Art Time. Infine, anche i grandi siti di e-commerce offrono un’ampia selezione di orologi: per chi cerca modelli iconici, al passo con le nuove tendenze può dare un’occhiata su Amazon o sulla vetrina di Zalando dedicata ai segnatempo da uomo.

Insomma ce n’è per tutti i gusti e le esigenze, ma bisogna ricordarsi che il contrasto vince in ogni occasione! Come in un’altra bella foto rubata al lavoro emerge un orologio di lusso Enigma con una bella camicia di piquet e jeans. E sempre tra i vari professionisti che incontro, architetti ed avvocati, commercialisti e manager, colgo sempre più che il look curato viene esaltato da un prezioso Brietling, o addirittura un bel Cartier abbinato ad un pantalone ed una giacca in tessuto “occhio di pernice”.

O un estroso Sector color salmone ed i famosi Breil, oro o acciaio che siano, abbinati a jeans e polo, così come talvolta a camice dalla fattura impeccabile. 

Sì la regola dell’eleganza è dettata dalle giuste proporzioni, dal sapiente mix di tessuti e colori che emergono tra polsini, cinturini e gemelli stravaganti. Tutto è come un buon vino, che se degustato con il cibo più adatto, acquista valore e sapore. Questo è il gusto della tendenza, e l’uomo che ha personalità sa coglierla, interpretarla con ironia o nonchalance, anche con il segnatempo giusto! E a proposito di orologi,  consiglio un articolo che Vogue ha dedicato all’origine e al successo dell’orologio da polso, fra storia del cinema ed icone di stile.

Orologi


Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.