Carta d’identità alimentare, il nuovo modo di mangiare fuori per chi ha esigenze particolari

Carta d’identità alimentare, il nuovo modo di mangiare fuori per chi ha esigenze particolari

ITALIA – Arriva il primo documento digitale che racchiude le nostre esigenze alimentari. Volete saperne di più? Date un’occhiata al nostro articolo.

Con la bella stagione capita di dover pranzare o cenare fuori casa un po’ più spesso. Per chi mangia di tutto non è un problema, al contrario, una bella serata in pizzeria, o un gustoso pranzo a base di pesce, magari fronte mare, sono delle occasioni non solo per mangiare bene, ma anche per trascorrere piacevoli ore in compagnia. Oppure un pranzo di lavoro che non si può proprio rifiutare, o un evento organizzato per celebrare importanti occasioni. Insomma, qualsiasi sia il motivo, per molte persone, consumare il pasto fuori casa è un vero problema. Su questo presupposto nasce la carta d’identità alimentare, scopriamo di cosa si tratta.

Carta d’identità alimentare, il documento delle esigenze alimentari

Secondo alcuni dati diffusi dal Ministero della sanità, in Italia ci sarebbero 305 mila allergici al latte e 600 mila allergici al glutine. Non consideriamo poi tutte quelle allergie o intolleranze meno diffuse, ma che comunque, alla persona, creano diversi problemi.

Per chi ha queste intolleranze o allergie a determinati alimenti, riuscire a consumare un pasto fuori, che sia anche solo un semplice panino, diventa davvero una fatica. Ma anche chi ha determinate preferenze alimentari, come per esempio i vegani, trova difficoltà a poter mangiare fuori se non nelle grandi città dove ormai esistono diversi locali che propongono tale cucina.

Insomma, le necessità alimentari possono essere le più diverse, vuoi per questioni di salute, vuoi per motivi etnici o religiosi, fatto sta che i ristoranti non possono essere scelti facilmente da tutti. Proprio per rendere una scelta più semplice a chi ha determinate esigenze, nasce la Carta d’identità alimentare.

Si tratta di un documento digitale, ma che può essere scaricato in formato PDF e quindi stampato, che raccoglie tutti i gusti e le necessità alimentari dell’utente. Compilarlo è facile e sicuro, basta accedere al sito Carta d’Identità Alimentare e inserire tutte le informazioni richieste. I dati sono protetti secondo la vigente normativa sulla privacy.

carta d'identità alimentare

Perché la Carta d’identità alimentare

Vediamo ora a cosa serve la Carta d’identità alimentare. Una volta che il documento è stato compilato dall’utente, questo può essere trasmesso al proprio ristoratore di fiducia, o al ristorante dell’hotel dove s’intende trascorrere le vacanze, ma non solo, grazie a un software vengono incrociati i dati inseriti dall’utente, quindi con le sue particolari esigenze alimentari, con i menù dei ristoranti più adatti alle proprie necessità.

In pochi istanti si può quindi trovare il locale adatto a soddisfare le proprie esigenze, sia che si tratti di una cena tra amici che di un pranzo di lavoro, una serata alla scoperta della gastronomia italiana, o per qualsiasi altra evenienza.

Be Sociable, Share!

Gigi Botti

Tre passioni nella vita: calcio, musica e scrittura, da Giornalista pubblicista amo collaborare per diverse testate online e cartacee parlando di tutto un pò. Amo scrivere per documentarmi, per avere “la scusa buona” per approfondire le mie conoscenze. Che sia con una tastiera, un display o con una penna poco cambia. Di recente ho acquistato una Olivetti Lettera 35 del 1972, proprio per non farci mancare nulla. Spero di allietare chiunque legga i miei articoli, suscitare interesse, generare discussione!
Gigi Botti

Leave a Reply

Your email address will not be published.