Napoli, quale futuro? Ne parliamo con lo youtuber Gianni Acampora

Napoli, quale futuro? Ne parliamo con lo youtuber Gianni Acampora

NAPOLI – Facciamo il punto sulla squadra partenopea, con uno dei futuri protagonisti della scena del tubo. Con GA7 abbiamo parlato di Sarri, Ancelotti, Insigne e tanto calciomercato.

In questi giorni quasi estate si è parlato di tutto tranne che di Napoli nel Belpaese calcistico. A Roma si piange ancora per l’addio forzato di Daniele De Rossi, al Milan va di moda il casting per il dopo Gattuso (Giampaolo sembra vicinissimo), all’Inter regna quel sentimento un po’ dolce e un po’ amaro dopo l’ingaggio di Antonio Conte, un vincente di professione sì, ma con un passato assai scomodo. Anche la Juve fa parlare di sé. Chi sarà il nuovo mister? Guardiola appare ormai un sogno appassito, Pochettino non sconfinfera i palati educati dei tifosi della Signora e l’unica (apparente) possibilità appare il nemico di sempre Maurizio Sarri.

Sorvolando per ora (ne parleremo tra poco con il nostro ospite) sul possibile tradimento del tecnico toscano a mamma Napoli, vogliamo soffermarci sul futuro della squadra di Carlo Ancelotti. Cosa serve per migliorare agli azzurri? L’arrivo di Conte all’Inter porterà a un ridimensionamento del Napoli nel ruolo di Anti-Juve? Lorenzo Insigne rimarrà a casa base? Insomma, di domande ce ne sono ed è arrivato il momento di trovare le risposte.

NAPOLI, COSA VA

napoli
Edinson Cavani, 32 anni. Un suo ritorno a Napoli farebbe impazzire il pubblico azzurro
  • Carlo Ancelotti ha messo nel suo bagaglio un importante anno di esperienza nell’ambiente Napoli, un ambiente che, tutto sommato, è disposto a concedergli un’altra chance per scrivere la storia del club. Parliamo di un allenatore che, esclusa la negativa esperienza alla Juve, non ha mai concluso un capitolo calcistico della sua vita senza portare a casa almeno un trofeo.
  • De Laurentiis ha dichiarato che i regali per Carletto arriveranno presto e che questo mercato estivo non sarà un mercato conservativo. Il sogno si chiama Edinson Cavani, ma anche se non arrivasse si parla di un budget importante per questa sessione estiva. Un altro nome che sta circolando è quello di James Rodriguez, sarebbe un colpo pazzesco sia dal punto di vista tecnico che mediatico.
  • Il caso Insigne sembra essersi sgonfiato. Con i tifosi, il rapporto sembra essersi completamente risanato e secondo le principali fonti di calciomercato, il capitano azzurro rinnoverà presto il contratto.

NAPOLI, COSA NON VA

Napoli
Aurelio De Laurentiis, 70 anni
  • De Laurentiis da, De Laurentiis toglie. Da una parte l’ottimismo infuso dal presidente per il mercato, dall’altra una minaccia: “Quest’anno metterò prezzi altissimi per avere uno stadio vuoto. Gli abbonamenti? Certo che ci saranno. Devi levare gli str… da stadio, con quelli non si vince nessun trofeo”. Il rischio di vedere un San Paolo semi vuoto il prossimo anno è davvero concreto e senza la spinta unica e passionale dei tifosi azzurri, la squadra ne risentirebbe parecchio.
  • Gruppo da ringiovanire. La squadra ha bisogno di un restyling che miri a ringiovanire la rosa. Giocatori cardine come Albiol, Hisaj e Mertens, iniziano ad avere la loro età e trovare dei sostituti all’altezza sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista psicologico non sarà certo facile.
  • Aumento importante della competizione. La stagione 2019-2020 vedrà, con molte probabilità, un Inter molto più temibile e pericolosa rispetto alle scorse stagioni. I tifosi di Napoli e Juventus sperano che Conte non riesca a ripetere gli stessi risultati ottenuti finora in carriera, ma l’uscita dei nerazzurri dal fair play finanziario con conseguenti investimenti importanti da parte di Marotta &Co e la storia del tecnico leccese fanno pensare al contrario.

NAPOLI, ANCELOTTI, IL SOGNO CAVANI E L’INCUBO SARRI: NE PARLIAMO CON LO YOUTUBER GIANNI ACAMPORA DI GA7

Napoli
Gianni Acampora, ci parla del suo Napoli

Per conoscere ancora meglio le sensazioni e gli stati d’animo della piazza napoletana, abbiamo intervistato Gianni Acampora, giovane youtuber, che col Canale GA7 sta letteralmente facendo i botti sul tubo. Con lui abbiamo affrontato molti argomenti, dai suoi progetti legati alla rete, al calciomercato del Napoli, dal possibile tradimento di Sarri, vicinissimo alla Juventus, fino ad arrivare ad un giudizio sulla gestione Ancelotti.

Ciao Gianni, ci parli del tuo canale YouTube GA7? Come ti è venuta questa idea?

Innanzitutto salve a tutti,  e grazie per avermi proposto di fare quest’intervista. Ho sempre voluto intraprendere un progetto YouTube fin da quando avevo 13 anni. Era un’idea che mi balenava in testa da parecchio, e ricordo che già da giovanissimo speravo di trasformare il tutto in un lavoro a tutti gli effetti. Il mio primo canale si chiamava “Gianniomej”, ridicolo lo so! e il primo video che pubblicai fu un trailer di Borussia Dortmund-Napoli. A quei tempi vivevo il tutto come un passatempo, pubblicavo sì e no una volta al mese, poi mi ci misi di impegno, cambia nome in G.A.7 e incominciai a fare video sulle partite, sul calciomercato mettendoci la faccia. Non ero ancora soddisfatto però e dal 2018 resettai tutto. Creai un ulteriore nuovo canale, GA7, senza puntini e senza accorgermene migliorai in tutto ciò che sta dietro alla realizzazione di un video. I risultati sono arrivati, diventare uno youtuber è stata una delle scelte migliori della mia vita.

Insomma non ti sei mai adagiato. E il futuro cosa ti riserva?

Ho in mente tante idee, tra cui un nuovo canale in cui farò solo vlog che si chiamerà Gianni Acampora. L’entusiasmo c’è, sono molto fiducioso!

Capitolo Napoli. Sei un grande tifoso azzurro, qual è il tuo voto per la stagione appena conclusa alla tua squadra del cuore?

Io penso che i ragazzi meritino un 6.5-7. Non è mai facile ripartire da un progetto nuovo, soprattutto quando si viene da un progetto tattico così pregno di meccanismi perfetti. In tutti i video in cui ho analizzato la stagione del Napoli, ho sempre dichiarato che secondo me, la squadra ha fatto addirittura meglio dello scorso anno.

In che senso?

Beh, in Coppa Italia siamo usciti ai quarti, come lo scorso anno, in Champions ai gironi, come lo scorso anno, in campionato siamo arrivati secondi, come lo scorso anno mentre in Europa League abbiamo fatto un turno in più. In termini di risultati siamo andati meglio. Certo, se paragoni le emozioni provate l’anno scorso con Sarri, un anno culminato con una lotta scudetto persa al fotofinish, non c’è paragone ovviamente. La scorsa stagione è stata molto più esaltante perché la squadra ci ha fatto emozionare come non accadeva da anni. Io tra l’altro l’ho vissuta a mille all’ora, ho 19 anni e non mi era mai capitato di ammirare un Napoli così competitivo.

Sei contento del lavoro di Ancelotti? Pensi sia l’allenatore giusto per la prossima stagione?

Carletto mi piace, è un allenatore internazionale che ha vinto ovunque, chi dice che non sia portatore di mentalità vincente e idee tattiche è completamente folle! Stiamo parlando di uno degli allenatori più vincenti della storia del calcio, stimato e amato in tutto il mondo, non si discute. Mi piacerebbe un Ancelotti al Napoli alla Alex Ferguson, al centro di un progetto lungo. E’ una grande persona e un coach di altissimo livello.

Passiamo al calciomercato. Di cosa ha bisogno il Napoli per fare un ulteriore salto di qualità?

Il calciomercato per noi YouTube è sempre divertente, ma allo stesso tempo causa tantissimo stress! Forse esagero ma per me il Napoli dovrebbe prendere un terzino per fascia, anche se quello destro è già arrivato (Di Lorenzo n.d.r) un difensore centrale, un centrocampista da alternare a Fabiàn Ruiz, un’ala destra e una punta da affiancare a Milik.

Mi sembra un pelino troppo audace come mercato? Non trovi?

Si, probabilmente, come ho detto in precedenza, ho esagerato un po’, ma se si vuol fare il salto di qualità il mercato va fatto e prepotentemente. Molto comunque dipende dalle cessioni che verranno fatte.

Hai in testa qualche nome giusto?

Te ne dico qualcuno: Gosens, Manolas, Veretout, Lozano e, sarei ipocrita se non lo nominassi, Cavani. Sicuramente un mercato del genere rasenterebbe la perfezione, ma la vedo difficile, mi accontenterei anche di qualcosina in meno, perché sono ben consapevole di quali siano le risorse del Napoli.

Com’è il rapporto tra il tifo e la città con Lorenzo Insigne? Credi che rimarrà al Napoli?

Lorenzo secondo me è un calciatore fortissimo, non gli manca davvero nulla, dalla tecnica alla velocità, dal tiro alla fantasia senza dimenticare il dribbling. Sono sempre stato un suo grande tifoso, anche nei momenti più difficili. La mia opinione è che se migliorasse il suo rapporto con la tifoseria, potrebbe fare molto di più. Le colpe però stanno nel mezzo: quando sai che qualsiasi cosa tu faccia, verrai visto con la lente d’ingrandimento e spesso criticato perché napoletano, è normale che poi in campo ci possa essere un calo. Insomma, l’aspetto psicologico conta tantissimo, spesso questo aspetto viene trascurato. Comunque penso proprio che Insigne rimarrà a Napoli, anche se sono convinto che se andasse via, magari all’estero, farebbe ancora meglio di quanto abbia fatto fino adesso.

E se Sarri andasse alla Juve come reagiresti?

La prenderei davvero male, rappresenterebbe una sorta di testamento del romanticismo calcistico. Io vivo male questi “tradimenti sportivi”, sono un romantico del calcio, presi malissimo il trasferimento di Higuain alla Juventus. Lì per esempio, non mi piacque la segretezza, il fatto che lasciò Napoli senza spiegazioni, andando a fare le visite mediche di nascosto a Madrid. Ricordo che quando lessi la notizia del passaggio in bianconero, non volli più alzarmi dal letto per ore, non ce la facevo fisicamente psicologicamente.

Sarri forse ha rappresentato addirittura qualcosa di più per Napoli rispetto a Higuain…

Esatto, il che ti fa capire che se Sarri andasse alla Juve sarebbe addirittura peggio di Higuain per noi napoletani. E’ un allenatore che ho sempre ammirato ed amato, non solo come tecnico ma anche come uomo. E’ uno che vive e muore per i suoi ideali. Se andasse in bianconero mi cadrebbe un mito e non ci sarebbero giustificazioni. Ricordate quando attaccava la Juve, il palazzo, gli arbitri, i cori degli juventini contro Napoli squadra e città, insomma sarebbe di un’incoerenza spaventosa. Spero che faccia la scelta giusta, per me Sarri al Napoli è stato poesia pura, spero non mi rovini questo bel ricordo.

Grazie per la disponibilità Gianni, in bocca al lupo per il futuro!!

NAPOLI, TUTTO SU GA7

napoli

GA7 – Gianni Acampora Canale YouTube

GA7 – Gianni Acampora pagina Facebook

GA7 – Gianni Acampora pagina Instagram

Be Sociable, Share!

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.