Il Mondiale di Qatar è già qui

Il Mondiale di Qatar è già qui

MONDO – E’ iniziato il count down del mondiale di Qatar. In programma dal 20 novembre al 18 dicembre, ci sono grandi aspettative per i mondiali di calcio.

L’anno del mondiale è sempre il più atteso da tutti gli appassionati di calcio. Coloro che tra squadra di club e nazionali riversano la loro passione per questo sport sono i più ansiosi del calcio d’inizio della competizione più importante di tutte, e che giustamente porta con sé grandi aspettative. Un anno dopo il fallito esperimento della Superlega, per il momento parcheggiata sotto terra dalla Uefa, tocca alla Fifa prendere le redini del calcio e proporre il mondiale di Qatar. Nonostante a molti supporter europei non piaccia l’idea di dover vedere un mondiale praticamente alle porte dell’inverno, le possibilità di seguire il calcio in diretta oggi giorno non smorzano più di tanto le ambizioni dei supporter. In programma dal 20 novembre al 18 dicembre, il mondiale che si disputerà nel Golfo Persico sarà unico nel suo genere, anche perché spezzerà in due la stagione del calcio europeo. Questa decisione potrebbe avere delle ripercussioni importanti per nazionali, club e calciatori stessi. Eppure, il richiamo di un mondiale è troppo forte per resistergli.

L’entusiasmo delle grandi candidate al trionfo

Il Mondiale di Qatar MyWhere

Lo sanno molto bene in Brasile, un paese che vive per il calcio e le cui aspettative risposte nella nazionale allenata da Tite sono enormi. Non è un caso che i verdeoro a fine agosto spiccano come le principali candidate alla vittoria del mondiale da quanto ci indicano gli opinionisti sportivi sulle statistiche delle scommesse per i mondiali 2022, con una quota di 6. Dopo aver praticamente dominato le qualificazioni della Conmebol, ossia il maxi girone sudamericano, senza registrare neanche una sconfitta, la nazionale che ha vinto più mondiali di tutte, ossia cinque, ripone una grande speranza nell’appuntamento del Golfo, al quale ha confermato per primo la propria presenza tra le squadre qualificate. Lo stato di forma di Neymar e la quadra ottenuta proprio da Tite, un allenatore veterano, rendono i brasiliani la squadra da battere.

Il Mondiale di Qatar MyWhere

La stella del Paris Saint Germain, inoltre, avrà voglia di rivincita dopo aver fallito clamorosamente l’appuntamento di Russia 2018 e in seguito alla sconfitta in finale di Coppa America l’anno scorso contro l’Argentina proprio al Maracanà. Anche la Francia, tuttavia, ha delle ottime possibilità di riuscita: i campioni del mondo, griffati dalla storica marca sportiva statunitense Nike, vengono dalla vittoria in Nations League 2021, un trionfo che ha dato la consapevolezza dei loro mezzi agli uomini allenati da Didier Deschamps, un tecnico concreto che sa come si vince. La rosa dei Bleus, almeno sulla carta, è di quelle importanti, anche se in questi mesi si stanno insinuando alcuni dubbi sulla condizione fisica di alcuni giocatori chiave, come ad esempio Paul Pogba, che dopo essere tornato a costo zero alla Juve ha avuto un problema al menisco, per curare il quale ha scelto un trattamento conservativo col fine proprio di disputare i mondiali. Tuttavia, se in attacco si ha a disposizione dei fenomeni come Mbappé e Benzema, tutto è possibile.

Tra veterani e nuovi talenti, chi sarà la star?

Il Mondiale di Qatar MyWhere

È ovvio che per molti questo mondiale sarà l’ultima volta, con ogni probabilità, di vedere due stelle che hanno dominato il calcio per quindici anni come Cristiano Ronaldo, uno dei migliori attaccanti di sempre e Lionel Messi. Il portoghese e l’argentino si presentano a questo appuntamento volendo sparare le loro ultime cartucce per sollevare il trofeo più prestigioso. L’ex attaccante della Juventus, il quale sta vivendo un periodo difficile al Manchester United, desidera la gloria con la sua nazionale, ma anche quella personale, la gloria del più grande marcatore di tutti i tempi con le rappresentative delle nazioni.

L’argentino, che nell’agosto del 2021 ha lasciato Barcellona per trasferirsi sorprendentemente in quel di Parigi, si è iniziato ad allenare una settimana prima del dovuto, rinunciando dunque alle proprie vacanze, proprio per arrivare in formissima all’atteso appuntamento del Qatar, dove la sua Argentina potrà senza dubbio puntare al bersaglio grosso, viste le prestazioni recenti, come ad esempio la vittoria sull’Italia con un netto 3-0 dove la Selección ha dato dimostrazione di grande concretezza e qualità. Da un lato c’è un goleador insaziabile, dall’altro un artista che gioca sempre più per la squadra.

Di certo c’è che un’eventuale scontro tra Ronaldo e Messi provocherebbe il più grande hype per questo mondiale, un evento nel quale si affrontano le migliori nazionali, ma soprattutto nel quale a essere protagonisti sono i campioni di una vita.

Photo by Alexandra Oikonomidou

Steve Moss

Leave a Reply

Your email address will not be published.