Hotel Locarno: meravigliose terrazze per godersi l’estate romana

Hotel Locarno: meravigliose terrazze per godersi l’estate romana

ROMA – Come inaugurare l’estate? Dal solstizio d’estate in poi sulla nuova ed esclusiva Terrazza Canossa si potrà vivere in modo diverso l’estate romana e degustare le specialità del menu stagionale all’Hotel Locarno.

L’anno scorso in questo periodo avevo stilato la classifica con la top 5 dei rooftop più belli della Capitale. Quest’anno aggiungo l’esclusiva Terrazza Canossa dell’Hotel Locarno: accoglienza diffusa e fascino dantan caratterizzano il posto del cuore di artisti come Federico Fellini e Giulietta Masina. Personaggi che si accomodavano davanti al caminetto, o Lucio Dalla. La casa guidata da Caterina Valentemenzionata nei 50 Best Discovery, oltre ad aver ottenuto la Chiave MICHELIN e il Traveller’s Choice Award 2024affascina per loriginale idea di poter gustare in qualsiasi angolo dellalbergo, e in ogni momento della giornata, le specialità del menu stagionale firmato dallo chef Domenico Smargiassi, e i cocktail dell’Head Mixologist Nicholas Pinna.

Hotel Locarno Terrazza

Le terrazze 

Ospitato in edifici gemelli dellinizio del XX secolo, unico al mondo, lHotel Locarno raddoppia  con la Terrazza Canossa e la sua vista unica. È possibile prenotarla per laperitivo con un barman dedicato o per la cena in esclusiva con un servizio unico e personalizzato. Disponibile su prenotazione, sia per gli esterni che vogliono trascorrere un momento unico e speciale (massimo per 10 persone), sia per gli ospiti dell’albergo, che possono riservarne l’uso in esclusiva, con una delle suite (la Venetian, la Serenissima o la Belle Vie) e goderne dalla mattina (per prendere il sole) fino all’aperitivo.

Hotel Locarno
Hotel Locarno, Terrazza Locarno

Aperta dal martedì al sabato, dalle 18 alle 23, la Terrazza Locarno segue la filosofia fuori dagli schemi” dell’intera struttura, per cui non ci sono rigide separazioni e si possono consumare indistintamente i piatti del menu aperitivo, o della cena, in qualsiasi momento. Ha il suo bar dedicato, dove poter ordinare i cocktail di Nicholas Pinna. Una terrazza dalla vista unica, perché talmente vicina alle cupole delle due chiese di Santa Maria in Montesanto e Santa Maria dei Miracoli, che sembra di toccarle.  

Fabiola Cinque Terrazza hotel Locarno 

Alcuni cenni su Hotel Locarno 

Albergo nato nel 1925, in occasione del Giubileo, da una famiglia svizzera che volle omaggiarlo di questo nome in ricordo della propria città natale, Hotel Locarno negli anni viene restaurato da Maria Teresa Celli (e in seguito da sua figlia Caterina Valente) che negli anni 60 inizia a riscriverne linea ed estetica per far rivivere i ruggenti anni 20, restaurando i pezzi unici degli arredi e dei pavimenti originali; un aspetto molto amato proprio da quel mondo artistico, che ne ha frequentato (e continua a farlo) gli spazi, apprezzandone lo stile, lunicità, e non ultimo lassenza di vincoli orari sulla cucina (una proposta all day long ante litteram), caratteristica che andrà a costituire uno dei capisaldi dellalbergo.  

Cucina e Mixology 

La cucina è guidata dallo chef Domenico Smargiassi, la cui filosofia prende le mosse dalla tradizione e da piatti classici per innovarsi nelle tecniche di preparazione e nelle ricette, ottenendo come risultato una linea originale e contemporanea. La sua linea punta sulla qualità della materia prima (reperita da fornitori scelti, di nicchia), e sostenibilità della proposta.

Hotel Locarno
Cucina Hotel Locarno ph Adriana Forconi

Tra i piatti imperdibili della sua cucina abbiamo il Club Sandwich Masterpiece. Unico per la sua insalata di pollo con wasabi e zenzero, adagiata su un letto di basilico e pomodoro. Il tutto guarnito con senape e tacchino, per chiudere con pancetta e zucchine croccanti. Degna di nota anche la personale ricetta dello chef di un classico della romanità, Amatriciana Grand Cru. Tra le novità della stagione, Maritozzo salato ripieno di Pastrami, il Morbido al gorgonzola con sedano fresco e grissini al sesamo (da condividere), i Tubetti “Benedetto Cavalieri” mantecati agli scampi, salsiccia di cinta, e coriandolo, e l’immancabile e imperdibileVitello tonnato in vigna”.  

Cucina Hotel Locarno ph Adriana Forconi

La mixology è affidata allestro e la passione di Nicholas Pinna, che dopo aver collezionato numerose esperienze allestero approda all’Hotel Locarno e modella il bar “a sua immagine”, mantenendo sempre una linea essenziale, mai banale, realizzando cocktail dai sapori netti e immediati. Novità del menu, il QR code che presenta la lista degli “80 drink da bere prima di morire”, scelti tra i grandi classici. La carta dei cocktail annovera 20 signature, e tra le novità spicca un twist sul Gimlet (un “Martini a maniche corte”) a base di gin (o vodka) e un cordiale al lime (realizzato da lui ogni giorno, totalmente naturale) e il Love ‘n’ Collins con Chartreuse e cacao dal gusto leggero, secco e super elegante. 

Fabiola Cinque Terrazza hotel Locarno 

Info 

Hotel Locarno  

Via della Penna 22, Roma

tel. 06 3610 841 

instagram.com/locarnohotelrome/ 

facebook.com/LocarnoHotelRome 

Sito ufficiale

Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.