Sebastião Salgado, un atto d’amore verso la terra

Sebastião Salgado, un atto d’amore verso la terra

NAPOLI – Genesi, ultimo grande lavoro del fotografo Sebastião Salgado, in mostra al Pan dal 18 Ottobre 2017 al 28 Gennaio 2018

La mostra è nata da un viaggio durato 8 anni alla scoperta della bellezza nei luoghi più remoti del Pianeta. Curata dalla moglie Lélia Wanick Salgado su progetto di Contrasto e Amazonas Images. Frutto della collaborazione di Civita Mostre con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, che ha già consentito di realizzare al Pan altre importanti mostre di fotografia (Steve McCurry e Helmut Newton).

L’occhio dello spettatore è mosso dallo uno sguardo appassionato del fotografo. Salgado in questa mostra tende a sottolineare la necessità di salvaguardare il nostro pianeta. La necessità di cambiare il nostro stile di vita, di assumere nuovi comportamenti più rispettosi. Si fa promotore di un rispetto che accoglie la natura e tutto quello che ci circonda. Salgado invita i suoi ospiti a conquistare una nuova armonia e avvicinarsi di più alla madre terra. Il suo è un viaggio alle origini del mondo per preservare il futuro del pianeta.

Sebastião Salgado

La mostra è composta da 245 immagini che trasportano lo spettatore in un itinerario fotografico di grande bellezza. Salgado è considerato il principe del bianco e nero ed anche questa volta le sue immagini utilizzano al meglio la grande potenza di questa tecnica.

Genesi è suddivisa in cinque sezioni che ripercorrono le terre in cui Salgado ha realizzato le fotografie: Il Pianeta SudI Santuari della Natural’AfricaIl grande Nordl ‘Amazzonia e il Pantanàl. 

La mostra è ripartita in foto di incantevoli paesaggi susseguite da immagini di animali, entrambi immortalati nel loro habitat. Salgado ha infatti vissuto nelle Galapagos tra tartarughe, iguane e leoni marini. Ha viaggiato tra le zebre che attraversano il Kenya e la Tanzania ed ha inseguito le balene della Patagonia. Allo stesso tempo ha anche ritratto alcune popolazioni indigene ancora vergini e felicemente consapevoli di questo status.

Un omaggio alla terra, quasi il ritratto che il grande fotografo brasiliano ha iniziato nel 1973 quando fu premiato per un servizio sulla siccità nel Sahel. Da allora assieme alla moglie è sempre nelle aree più calde del mondodenunciando con le sue immagini la miseria, le carestie, le guerre e le ingiustizie sociali.

Un grido di allarme e un invito a ricongiungerci con la terra come era prima che l’uomo la modificasse fino a sfigurarla.

Salgado attraverso l’arte vuole svegliare le nostre coscienze. Riprendendo una citazione del critico d’arte Achille Bonito Oliva: “L’arte è un respiro biologico che serve a tutta l’umanità. È un massaggio al muscolo atrofizzato della sensibilità collettiva. Atrofizzato dai media, dalla società dello spettacolo, dalla società dei consumi. Dunque, ha una funzione attiva che può suscitare risposte e riflessioni nello spettatore attraverso un’interattività capace di generare nuovi processi di conoscenza e anche una coscienza dello spettatore nei confronti della realtà che ci confronta.”

Se volete soggiornare a Napoli ecco i nostri consigli su dove prenotare: Palazzo Caracciolo  o  Ibis Style Napoli Garibaldi

INFO:

Genesi di Sebastião Salgado

dal 18 Ottobre 2017 al 28 Gennaio 2018

Pan | Palazzo delle Arti

Palazzo Roccella, via dei Mille n. 60 Napoli

salgadogenesi

sal1

sal1

sal2

sal2

sal3

sal3

sal4

sal4

sal5

sal5

sal6

sal6

sal7

sal7

Martina Capuano

4 Responses to "Sebastião Salgado, un atto d’amore verso la terra"

Leave a Reply

Your email address will not be published.