Macchè Mela del Peccato!!!

Macchè Mela del Peccato!!!
la mela il frutto proibito

Io non so cucinare, non faccio arte, ma la osservo e probabilmente non so nemmeno fare l’amore, ma in questi anni ho sempre cercato di applicarmi. Certo cucinare non mi riesce benissimo, anzi diciamo la verità proprio non mi riesce. Dipingere, fotografare o scolpire nemmeno, diciamo che sono più ferrata a guardare l’arte e fare l’amore, beh qui, certo non dovrei essere io a dirlo, ma se pur non mi senta una tigre della branda mi applico con tanta dedizione, quando mi è possibile. Mangiare, guardare e fare l’amore sono verbi che alludono ad azioni legate al piacere, in tutti, l’atto che si compie soddisfa un bisogno, un desiderio, una voglia. Potrebbe essere più semplice e istintivo pensare che il piacere che più ci è necessario sia quello legato al cibo, atto del mangiare, in realtà non è cosi, tutti e tre sono dettati da qualcosa che va molto oltre una semplice esigenza. Certo cibarsi, in prima battuta è fondamentale per vivere, ma non lo è forse anche fare l’amore o osservare un’opera d’arte? Potremmo mai prescindere da una di queste tre cose? Potrei, io, vivere senza cibo, senza arte e senza sesso? La risposta è NO.

Legati tra loro da un cordone stretto, l’una non può fare a meno dell’altra cosa.  Nel paradiso terrestre, probabilmente, Adamo, guardò Eva e colpito dalla sua bellezza, dalla sua nudità, dalla pelle liscia e lucente, che sicuramente  immaginava morbida come la seta e profumata come una noce di cocco, si ingegnò per poterla sedurre. Il povero Adamo, ammagliato dalla foglia di fico che le copriva il pube (chissà se realmente era così), alla vista dei suoi seni perfetti, dai capelli che le coprivano le mammelle ma non del tutto, fu, preso da un’eccitazioen tale che dovette assolutamente averla. Alla fine capì che l’unico sistema per conquistare una donna cosi bella era sedurla accondiscendendo al suo volere, quello di rubare la mela che lei tanto desiderava e che gli avrebbe fatto guardagnare la cacciata dal Paradiso. La mela, fu il primo pasto. Il primo oggetto del desiderio, il primo oggetto che permise ad Adamo di sembrare migliore agli occhi di Eva, o almeno sarebbe stato così per un po’, fin quando dall’alto dei cieli un dito puntato non avrebbe affermato a voce alta qualcosa come: “Tu che hai disobbidito lavorerai con fatica e tu, donna che hai desiderato, partorirai con dolore etc…”

Eva e la Mela del peccato

Ecco, ci mancava pure il regno dei cieli a consacrare il fatto che noi donne, oltre al massacrante periodo mestruale, siamo costrette a soffrire nove mesi per il parto. Ma se fosse solo quello, non sarebbe poi cosi male aver violato la legge divina. Dobbiamo scontrarci con una miriade di cose allucinanti. Non mi risulta che, durante la sgridata celeste, Dio avesse guardato Eva e con occhi incazzati le avesse promesso che sarebbe dovuta andare al lavoro con i tacchi fin che morte non li separi, non mi pare abbia affermato che saremmo dovute stare a dieta ferrea tutta la vita, e qui, maledico la mela che oltre ad essere il simbolo del peccato è anche il simbolo di tutte le diete del mondo. Vi risulta? Quando andate da un dietologo non vi prescrive, forse, di mangiare per merenda una mela, e magari fosse rossa, ci dobbiamo accontentare di quella schifosa e aspra mela verde, che a mio avviso andrebbe bandita dal mercato. Non faccio mica la pubblicità del Kukident che posso permettermi di addentare una durissima mela verde.! Comunque, tornando a ciò che ci tocca subire per aver desiderato quel meraviglioso frutto rosso, che causo anche il letargo della bella Biancaneve. Mai pensato alle occhiaie? Pensate forse siano sintomo di stanchezza? Noooo è stata la mela, avete mai letto che per il beauty fai da te, facendo concelare una fetta di mela la si può mettere sulle borse porta spesa per farle sgonfiare, ma insomma sempre sta mela. Ma non era quella del peccato. Si peccato che prima di arrivare al peccato ci siano state promesse altre cose che, a detta mia, non sono proprio gradite.

E VOI CHE VISIONE AVETE DELLA CACCIATA DAL PARADISO E DELLA FATIDICA MELA?

Blue G.
Latest posts by Blue G. (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.