Filippo Cogliandro ambasciatore della grande bellezza della Calabria

Filippo Cogliandro ambasciatore della grande bellezza della Calabria

REGGIO CALABRIA – Tra i 52 posti da visitare nel 2019, il New York Times inserisce una sola regione italiana. Quale? La Calabria! Le motivazioni? Perché è un mix perfetto di cultura, arte, bellezze naturali e tradizioni culinarie. Uno dei nomi chiave della crescita della notorietà di questo territorio sotto l’aspetto gastronomico è Filippo Cogliandro, chef patron de L’Accademia di Reggio Calabria. Ecco perché!

Secondo il New York Times, nel 2018, la Calabria è stata inserita tra le 52 mete imperdibili al mondo. E’ l’unica regione italiana nella lista, il merito è dato dalla tradizione culinaria e dalle bellezze paesaggistiche. Inoltre, eletto da World’s Best Olive Oils viene classificato l’olio più buono del mondo, l’olio Calabrese. Infatti, anche nel settore della ristorazione, si fa strada un piccolo gruppo di giovanissimi chef, che “raccontano” il territorio, sapori, ispirazioni dalla terra e dal mare e, naturalmente, il vino della terra. Uno di questi è Filippo Cogliandro chef patron de L’Accademia di Reggio Calabria, perché ha perfettamente capito che il modo giusto di parlare della sua terra parte dal cibo, creando delle sovrastrutture che intercettano pensieri e idee, ma anche ispirazioni e ricordi, vivi, sempre in movimento. Perché nel cibo c’è una storia da raccontare, ma è come si racconta questa storia a fare la differenza e che a raccontarla sia un cuoco, uno di quelli bravi, che ha il ritmo del racconto , che è parte del racconto, diciamo il primo attore.

E Filippo Cogliandro ha fatto diventare il Ristorante L’Accademia a Reggio Calabria una meta per appassionati gourmet globe-trotter, per smaliziati cultori di etichette rare e preziose, per amanti della raffinatezza e della grande cucina, un locale che continua a raccontare una sua propria storia e a tracciare un suo proprio percorso che, oltre a mostrarsi al passo dei tempi, sembra spesso precorrerli con misura e intelligenza coinvolgendo cibi ricchi di personalità come la nduja, il caciocavallo, la liquirizia, il Bergamotto di Reggio Calabria, e non solo, prodotti dai sapori intensi, che si possono utilizzare in diversi modi in cucina, rivisitati in maniera moderna.

IL PERCORSO GASTRONOMICO DI UNO CHEF A 360°

Filippo Cogliandro, con la sua brigata, crea, inventa, ricorda,  grandi ceste di pesce appena pescato passano dalle sue mani, è un artigiano della creatività, i sapori si fondono con il suo cielo e il suo mare, lui si esprime con le mani, per creare, e con il cuore per raccontare la sua terra avendo capito che anche la cucina può testimoniare il suo attaccamento alla sua terra facendo apprezzare ai suoi clienti una buona cucina che viene anche dall’utilizzo dei prodotti del territorio.

Progetti nati dalla convinzione che il nostro futuro sia strettamente legato al futuro del comparto agroalimentare Calabro e alla capacità di espandersi ed affermarsi oltre i confini nazionali. Esso è infatti uno degli aspetti più amati e ricercati dell’Italia all’estero, oltre a rappresentare un settimo dell’economia nazionale, il Made in Italy agroalimentare è una delle nostre ricchezze più grandi, è il frutto della nostra cultura popolare, della nostra storia.

Quello di Filippo è un doppio percorso, nella sua terra e fuori Reggio Calabria, in giro per le città dove la legalità ha un ruolo fondamentale e dove la sua cucina sarà il primo attore, parlando attraverso i suoi piatti. 

Filippo sarà a Firenze, il prossimo 14 ottobre per la sua “Cena della Legalità”, ospite del Presidente del Lions Club Sesto Fiorentino, il dr Simone Amati, per un grande concerto, come dice Filippo Cogliandro, fatto di profumi e sapori, musica e armonia, musica e suoni, musica e parole, perché…il silenzio uccide.

RISTORANTE GOURMET

FXE11105

L’A Gourmet l’Accademia
Ristorante

Via Largo Cristoforo Colombo 6
89125 Reggio Calabria

Tel: 0965 312968

CREDITI PH Stefano Mileto

www.laccademia.it

Cristina Vannuzzi

Sono nata a Firenze e risiedo tra Firenze e New York. Esperta in comunicazione mi occupo di ufficio stampa e progetti di merchandising. Collaboro con testate: dal settore del food al lifestyle tra locali, arte, eventi, fashion, fragranze, chirurgia plastico/estetica. Energica e iper attiva sono stata anche autore e responsabile comunicazione del Progetto contro la mafia “Le cene della Legalità” per lo chef Filippo Cogliandro, anno 2012.

 

Cristina Vannuzzi

Leave a Reply

Your email address will not be published.