Sepulchrum a San Felice sul Panaro, perché il paese vuole ritornare a vivere.

A San Felice sul Panaro, a pochi chilometri da Modena, domenica 2 ottobre avrà luogo una delle zombie walk meglio contestualizzate mai realizzate prima, un'iniziativa eccentrica se vogliamo ma leggendo l'intervista capirete come Sepulchrum abbia in realtà un fine ben più nobile

Sepulchrum a San Felice sul Panaro, perché il paese vuole ritornare a vivere.

FESTIVAL & EVENTI – Sepulchrum è ben di più di una rassegna horror, lo zombie walk più articolato rispetto alle consuete parate organizzate altrove precedentementeSepulchrum avrà infatti luogo il 2 ottobre 2016 a San Felice sul Panaro in provincia di Modena. Una manifestazione che se da un lato  è un vero grande evento per tutti gli amanti del genere horror o anche per quei fotografi visionari sempre alla ricerca  dello scatto più inquietante e suggestivo da proporre, dall’altro è frutto di un’iniziativa che, come vedremo, vuole celebrare la vita.
Una grande giornata, quella della prima domenica di ottobre a San Felice, nella quale zombie, vampiri e non-morti  daranno vita – è il caso di dirlo – al più straordinario raduno, lo zombie walk più originale e credibile che mai sia stato organizzato e pensato per un ampio “setting” reale sotto tutti i profili. L’ambientazione infatti avrà bisogno di ben pochi rimaneggiamenti essendo al cento per cento originale e la cui autenticità,  non certo desiderata, vede tuttora nelle proprie rovine il marchio  inferto dal terremoto di quattro anni fa.  Il sisma aveva colpito molto duramente l’Emilia e la zona, in particolare.
San Felice sul Panaro prima della sciagura era un piccolo antico centro, caratteristico  e molto ben preservato.
Grazie alla naturale operosità emiliana fatta di  ottimismo, lavoro e  sinergia fra le parti tante cose sono state realizzate e in tempi record ma non ancora tutte, restano in attesa di un ripristino edifici storici piuttosto danneggiati e molti degli elementi che costituivano lo “skyline” del paese sono in rovina.
Paradossalmente proprio gli zombi e i vampiri -al di là delle apparenze -pare condividano qualcosa con San Felice sul Panaro e a raccontarlo sarà proprio Roberto Gatti l’ideatore e l’organizzatore dell’evento.

Come siete arrivati a realizzare Sepulchrum e come mai questa manifestazione proprio a San Felice?

Sepulchrum è  nato prendendo spunto dallo zombie walk di Bologna, una manifestazione che non avevamo mai visto prima e che ci ha entusiasmati al punto che ci siamo innamorati di questo genere avendo fatto alcuni scatti  che ci avevano rivelato qualcosa di completamente diverso dai soliti reportage a cui siamo abituati. Ho telefonato a Jana (Jana Daniela Caso è l’organizzatrice dello zombie walk di Bologna ndr) chiedendole di poter portare lo zombie walk ma temendo un rifiuto da parte sua. Al contrario Jana è apparsa entusiasta e disponibile a portare anche a San Felice lo zombie walk.

Ho ben presente San Felice  ma non ricordo un ambiente orrorifico.

Dopo il terremoto lo è diventato, diciamo che noi organizziamo Sepulchrum proprio per quello: per dare  visibilità al paese. Nessuno al di fuori di San Felice a solo una ventina di chilometri riesce a comprendere che abbiamo un interno di paese completamente morto: la chiesa non c’è più né  il castello o il teatro mezzo paese interno è pieno di travi  non ci sono più negozi di paese. Il paese è un paese morto ecco il perché di questa manifestazione, diciamo  che non c’è niente che disturba per quello che noi lì vogliamo organizzare. Però perché farlo con gli zombie e i vampiri?  Gli zombie non muoiono mai, rinascono e il vampiro ogni giorno “rinasce”. La rinascita è quello che noi vorremmo dare al paese e dare quella visibilità, in questo contesto, per far capire che San Felice  ha bisogno di rinascere; forse non arriveranno mai i soldi per fare ciò che vorremmo fare  però almeno facciamo capire alla gente al di fuori che con una manifestazione del genere c’è la voglia di rinascere.

In questo modo la figura demoniaca e negativa del vampiro viene riabilitata, divenendo nel contesto addirittura positiva.

Certo l’iniziativa comprende diversi momenti con workshop aperti a tutti e ci sarà poi un finale a sorpresa.

Esiste allora una relazione fra Sepulchrum e  Halloween, data la scelta di ottobre?

No, questa non è una carnevalata! Abbiamo cambiato la data proprio per non creare equivoci. Questa sarà anche una grande manifestazione fotografica dove arriveranno pullman  da tutte le parti d’Italia. Ci saranno allestimenti particolari alla Tim Burton dove sono state create scenografie utilizzando addirittura le travi – gentilmente offerte – di case crollate. In ogni angolo i fotografi avranno modo di “dare la caccia” ai vampiri e ci saranno oltre 300 figuranti che si presteranno agli scatti di questi fotografi che giungeranno da ogni parte d’Italia.

Prevedete  un seguito per questa manifestazione?

Certamente, stiamo già pensando al prossimo anno dove faremo qualcosa di diverso sempre declinato sullo stesso tema.

INFO

SEPULCHRUMSan Felice sul Panaro (MO) vedi qui

Dalle ore 15, 00 di domenica 2 ottobre 2016 presso il Prato Rocca di San Felice sul Panaro , una sinergia creata da Photoclub Eyes BFI, in collaborazione con Effeottoemezzo, ZOMBIE INSIDE e SPFANTASY 

Sotto: Sepulchrum, le foto – ©2016 Ph. Donatello Iacobone (all right reserved – use by permission)

Zombie Walk – San Felice sul Panaro 2016

Daniela Ferro

Daniela Ferro legge, scrive, ascolta ma soprattutto annusa. Appassionata di rose e di fragranze vive con 2 gatti, 3 conigli, due tartarughe, oltre 400 piante di rose che conosce e coltiva personalmente nonché un imprecisato numero di bottiglie di profumo.
Daniela Ferro

Leave a Reply

Your email address will not be published.