Palazzo Merulana, un successo che anima il rione Esquilino

Palazzo Merulana, un successo che anima il rione Esquilino

ROMA – Inaugurato a maggio 2018, Palazzo Merulana in poco tempo si è affermato come polo culturale di riferimento del rione Esquilino, uno dei quartieri romani più multietnici, contraddittori ma ricchi di potenziali risorse culturali della nostra città.

Palazzo Merulana, che oggi prevede uno spazio museale di quasi 2000 mq in quattro piani con attico, era sede dell’ex Isituto di Igiene; la struttura in parte venne abbattuta negli anni Sessanta e ormai versava in pessime condizioni. L’importante intervento di restauro che ha dato nuova vita al palazzo, di proprietà comunale, è durato cinque anni grazie a un project financing dalla famiglia Cerasi e la SAC S.p.A, azienda di costruzioni edili di loro proprietà.

palazzo merulana

Sulla propria raccolta, Elena e Cluadio Cerasi hanno dichiarato in un’intervista “La collezione ha un’anima, un unico filo conduttore, ma trovare nuovi pezzi che ci emozionano è sempre più difficile. Continuiamo a cercare, la nostra passione non diminuisce, e ognuno dei nostri figli, seguendo la propria personalità, ha dato vita a una sua raccolta. Chi l’ha orientata sullo storico e il contemporaneo, chi sull’Informale e il moderno. Spesso con Flaminia, Alessandra ed Emiliano ci scontriamo in maniera divertente, molto accesa. Ognuno prova a convincere l’altro”. (da Il Giornale dell’Arte n.202, 2018)

Palazzo Merulana - Salone
Palazzo Merulana – Salone

La collezione in via Merulana 21, è composta da 90 opere; il piano terra, ad ingresso libero, si affaccia con ampie vetrate alla strada, lasciando intravedere le sculture ospitate all’interno, quasi un invito per chiunque si trovi a passare ad entrare per conoscere questo nuovo spazio vitale e culturale offerto al pubblico. Antonietta Raphaël, Lucio Fontana, Pericle Fazzini, Giuseppe Penone, Ceroli, Pugliese sono alcuni degli artisti che incontriamo per primi.

Piccoli Saltimbanchi - Donghi
Piccoli Saltimbanchi – Donghi

Al Secondo piano si apre il Salone, cuore pulsante della collezione di Elena e Claudio Cerasi; qui in posizione centrale Il Direttore delle Stelle di Jan Fabre e sulle pareti splendidi dipinti, tra cui Piccoli Saltimbanchi di Antonio Donghi, Le cabine misteriose di Giorgio de Chirico (1934), Ballo sul fiume di Duilio Cambellotti,  (1936), Gita in barca (1932) di Giuseppe Capogrossi, il bronzo Calciatori di Ercole Drei (1929) e non meno rilevanti Balla, Sironi, Mafai. 

La Galleria del terzo piano ospita dipinti di altri artisti, tra cui Boetti, Schifano, Pirandello e sarà animato dalle mostre temporanee. La collezione si concentra in prevalenza sulla Scuola Romana, che fu il primo nucleo di opere acquistate dai coniugi Cerasi; poi si sono aggiunti capolavori di Lucio Fontana, Mario Schifano e per volgere lo sguardo al contemporaneo, Luigi Ontani e Jan Fabre.

Palazzo Merulana - Galleria
Palazzo Merulana – Galleria

Infine al quarto piano troviamo uno spazio che si trasforma in location per attività culturali ed eventi enogastronomici: qui la Macchina del Tempo offre un percorso video-fotografico che racconta a ritroso la storia del Palazzo dalle sue origini ad oggi.

L’obiettivo era quello di trasformare Palazzo Merulana in un attrattore sociale che potesse muovere l’intera comunità del rione alla partecipazione e spingere associazioni e cittadini a prender parte a questo importante progetto promotore di cultura: non solo arte, ma anche letture, spettacoli, cinema, incontri ed eventi.

Palazzo Merulana - Giorgio de Chirico
Palazzo Merulana – Giorgio de Chirico

Osservando la programmazione di questi mesi appare evidente l’ottimo inizio con cui Palazzo Merulana si è imposto nell’ambiente culturale della Capitale; sin da subito, infatti, è apparsa chiara la volontà di non rimanere un semplice contenitore statico di una collezione d’arte permanente.

Per l’estate 2018, SummerMerulana prevede molti eventi fino a metà agosto, quando si avrà la serata conclusiva della manifestazione. Si sta per concludere (25 luglio) la rassegna Letture d’ombra, summer edition; mentre dal mercoledì al lunedì, presso il Giardino delle Sculture, saranno proiettati film per quattro differenti rassegne, accompagnati da aperitivo (Festival del cinema asiatico, Mondovisioni, Rassegna del Cinema Invisibile).

Dietro l’angolo già si intravedono gli appuntamenti dell’autunno. Gli spazi del Palazzo e la sua collezione permanente dialogheranno con le opere delle mostre in programma; ottobre 2018 vedrà l’apertura di due esposizioni: la monografica Giorgio De Chirico: i bagni misteriosi e Ciclo innovazione e tradizione: William Kentridge.

Un bell’esempio di spazio museale (e non solo) nato grazie a mecenati privati; (in attesa anche del progetto ad opera di A.Fendi), a fine dello scorso anno, Roma aveva visto l’inaugurazione di MUSIA, lo spazio polifunzionale in via dei Chiavari. Voluto dall’imprenditore e collezionista Ovidio Jacorossi, nasce con la volontà di rendere accessibile l’arte contemporanea al maggior numero possibile di fruitori. Lo andremo a conoscere più da vicino.

Palazzo Merulana

Piano terra Sala delle Sculture
ingresso libero.
Secondo, terzo e quarto piano
Intero  € 5.00;
Ridotto  € 4.00 
giovani under 27, adulti over 65, insegnanti in attività, appartenenti a gruppi convenzionati.
Gratuito bambini under 7un insegnante ogni 10 studenti, un accompagnatore ogni 10 persone, disabile con accompagnatore.

PROMOZIONE OPENING FINO AL 30 SETTEMBRE
Intero  €4.00
Ridotto €3.00

Per maggiori informazioni qui il sito di Palazzo Merulana.

Be Sociable, Share!

Giulia Chellini

Giulia Chellini

Silenziosa scrutatrice, appassionata di arte e restauro; spesso sogno ad occhi aperti il mondo come dovrebbe essere per dimenticare il mondo come è..ed intanto perdo l’autobus. Fotografo dettagli insignificanti, cerco quadrifogli nei prati e parlo con i gatti. Penso che lo scopo della vita sia racchiuso nella parola “scoprire”: luoghi, cose e persone.
Giulia Chellini

Leave a Reply

Your email address will not be published.