Lapponia finlandese. A caccia dell’aurora boreale

Lapponia finlandese. A caccia dell’aurora boreale

FINLANDIA – Un territorio sconfinato, ricco di biodiversità, dove la Natura regola ogni singolo aspetto della vita. La Lapponia, terra del popolo Sami, nonostante sia raggiungibile facilmente dall’Italia ci trascina in un mondo che sembra lontano anni luce da noi. Il paesaggio sommerso da una coltre di ghiaccio ed acqua suscita un misto di fascino e timoroso rispetto.

Lapponia
Lapponia

Abbiamo avuto la fortuna di atterrare all’aeroporto di Rovaniemi nel primo pomeriggio, quando ancora la luce non aveva lasciato il posto alle tenebre quasi perenni dell’inverno artico. Una particolarità del periodo invernale in Finlandia sono proprio le poche ore di luce giornaliere. Si ha quasi la sensazione di vivere in una perenne alba che riscalda il paesaggio innevato con le sue sfumature che vanno dall’arancio al rosa. Rovaniemi è una città di confine. Un luogo misterioso carico di promesse verso l’ignoto che si trova al di là del circolo polare artico ed è da qui che ci apprestiamo a testare la nostra capacità di adattamento ad un clima che per noi abitanti della zona sud dell’Europa è sicuramente una sfida.

In questo periodo dell’anno è il cielo l’unica fonte di colore anche in piena notte grazie al fenomeno a cui tutti una volta nella vita dovrebbero assistere, l’aurora boreale.

Che cos’è l’aurora boreale e come vederla

Questo fenomeno pieno di fascino è dovuto all’interazione delle particelle che compongono il vento solare con la ionosfera terrestre. I protoni e gli elettroni emessi dal sole si spostano ad altissime velocità lungo i due poli magnetici terrestri dando vita ad una danza di colori che illumina le gelide notti artiche. Le aurore boreali possono assumere molte sfumature di colore a seconda dell’altitudine a cui avviene il fenomeno e dei gas presenti. Lo stesso avviene anche nell’emisfero australe dando vita alle aurore australi. In questi giorni la Nasa ha diffuso delle immagini dell’aurora boreale ripresa dallo spazio. Questa è la spiegazione meramente scientifica, ma esistono numerose, e non meno interessanti leggende che accompagnano le aurore. I Sami, popolo indigeno della Lapponia, pensano che le cosiddette Northern Lights scaturiscano dallo sfregamento della coda di una volpe artica sul manto nevoso. Le scintille che si formano durante la sua folle cosa accenderebbero il cielo di mille colori.

Aurora boreale

I tour operator offrono diverse alternative per assistere a questo fenomeno straordinario. Noi abbiamo optato per un’escursione in motoslitta con la quale, alternandoci alla guida, abbiamo percorso un fiume ghiacciato verso la foresta. Nel prezzo del tour è compresa l’attrezzatura termica, fondamentale a queste latitudini in pieno inverno. Il gelo polare ci obbliga infatti a mettere da parte la nostra proverbiale arroganza, ci riconnette al nostro corpo e ai suoi bisogni, ci dà la percezione della nostra impotenza di fronte a Madre Natura.

I dintorni di Rovaniemi. Le escursioni da non perdere

Ci sono molte escursioni che le agenzie propongono per scoprire il territorio circostante. Se si ha voglia di allontanarsi di più da Rovaniemi si può optare per una gita giornaliera su una nave spacca ghiacci, oppure si può sfidare il gelo sperimentando il galleggiamento con delle particolari attrezzature termiche dentro uno dei numerosi laghi ghiacciati. O ancora si possono scoprire le meravigliose cascate ghiacciate di Korouoma.

Sicuramente se si arriva fin qui non si può non sperimentare il tour con i cani da slitta. Il paesaggio mozzafiato che ci circonda, ma soprattutto gli occhi di questi meravigliosi animali che cercano costantemente un contatto visivo con il conduttore. Siamo noi materialmente alla guida ma chi comanda veramente sono loro. Con il loro istinto ci indirizzano. Ci sentiamo rassicurati dalla loro presenza in un territorio che altrimenti ci disorienterebbe per l’assenza di punti di riferimento.

gita con i cani da slitta
cani da slitta

Sembra impossibile per un territorio quasi privo di montagne come la Finlandia ma a pochi chilometri da Rovaniemi si trova un  comprensorio sciistico. Nella cittadina di Ounasvaara, raggiungibile in 15 minuti di taxi, si può provare l’ebbrezza di sciare ad un’ altitudine tra gli 80 e i 215 m s.l.m. e di fare una sciata notturna anche se sono le 3 del pomeriggio. Si può noleggiare tutta l’attrezzatura ed acquistare lo skipass nel negozio vicino al parcheggio anche solo per qualche ora.

comprensorio di Ousvaara
sciare a Rovaniemi

Se si vuole trascorrere qualche ora al caldo prima della visita d’obbligo al Santa Claus Village una tappa interessante è rappresentata dal Museo Arktikum. Qui si può imparare a conoscere la vita in Lapponia dalla preistoria fino ai giorni nostri e si può approfondire la conoscenza della flora e della fauna locale. L’edificio che ospita il museo è anche sede dell’Università e di un centro di ricerca che ha tra i tanti obiettivi quello di promuovere il rispetto dell’ambiente artico e di tutti i suoi abitanti.

Foto di Veronica Ciancolini per MyWhere

Veronica Ciancolini
Latest posts by Veronica Ciancolini (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.