NABA: il campus della formazione che porta il learning by doing nella capitale

NABA: il campus della formazione che porta il learning by doing nella capitale

ROMA – NABA: La nuova sede appena inaugurata sarà aperta al pubblico il 6 aprile dalle ore 10 alle ore 15 in un Open Day che vi darà la possibilità di visitare il campus e scoprire tutti i dipartimenti dell’Accademia formazione nel design e fashion. Io ci sono stata al taglio del nastro, e vi racconto come si presenta la istituzione della formazione che porta il learning by doing nella capitale

Avete presente il quartiere della Garbatella? Dal film Le fate ignoranti diretto da Ferzan Özpetek del 2001 che ha reso l’immagine del gazometro immortale, (era quasi un ventennio fa!) quando la popolare zona dei mercati generali ancora non conosceva le luci della ribalta che da allora in poi l’avrebbero illuminata sempre più, vive un cambiamento strategico e urbanistico sempre più cool. Proclamato Food district dalla trasformazione dell’intera stazione Ostiense in Eataly alla quale sono seguiti ogni genere di trattoria, pub, locale diversi per offerta, grandezza e stile. Annoverato tra gli itinerari piú belli della street art a Roma, all’avanguardia per connubio architettonico tra storia e modernità (gli stabili frutto di progetti di recupero industriale sono numerosissimi) fino all’apice raggiunto nel match (molto raro nella Capitale), che vede la convivenza dell’arte antica con quella moderna e trova massima espressione nella Centrale Montemartini. Se ancora non l’avete mai visitata non perdetene l’occasione: ci sono statue romane provenienti dai Musei capitolini che riprendono vita nella centrale elettrica in un ambiente unico che fa dell’edificio un fiore all’occhiello dell’archeologia industriale.

NABA ROMA
La vista del Gazometro dalle finestre delle aule della nuova sede di NABA ROMA. Photo copyright MyWhere©

Non è già tutto questo una ragione plausibile per pensare ad un campus della formazione all’avanguardia? C’è chi vuole assimilare la somiglianza del quartiere della Garbatella a quello di Via Tortona e di Industria Superstudio, ma come è stato annunciato da Roberto Riccio “vogliamo creare una sede alternativa e non secondaria a Milano, così come quando NABA si spostò ai Navigli, qui trova la sua sede naturale nel quartiere della garbatella”. E aggiunge “Questo luogo industriale e industrioso è un officina dove si opera, dove ci si sporca le mani tra pratica e business. Da questo i metodi d’insegnamento più  all’avanguardia attraverso il learning by doing”.

E’ intervenuto all’inaugurazione anche Amedeo Ciaccheri, il nuovo e giovanissimo presidente del Municipio VIII. Esperto del suo territorio, ha ricordato che l’anno prossimo ci saranno le celebrazioni del centenario della Garbatella, aggiungendo “sarà bello coinvolgere questa scuola in un lavoro comune tra attori pubblici e privati in una collaborazione di controtendenza per questa amministrazione che affronta la sfida di diventare un laboratorio per questa città”. La visione condivisa parte dal concetto che “questo spazio dovrà diventare un distretto tecnologico della cultura affinché renda fruibile il patrimonio nella sua interezza, con grande attenzione al contesto e nel rispetto della storia popolare di questo quartiere”.

NABA Roma
Amedeo Ciaccheri con Donato Medici come Managing Director e Guido Tattoni, Direttore della formazione.  Photo copyright MyWhere©

Sicuramente fa sorridere quando pronuncia la triste verità : “Roma è sempre stata sospesa tra la provincia e la capitale dell’arte mondiale” e ancor più quando aggiunge “i ragazzi vogliono andare a studiare all’estero, ad esempio a Milano…”, però, ironia a parte, la partecipazione delle istituzioni locali hanno dato ancora più valore alla celebrazione di questo nuovo inizio.

Donato Medici Managing director NABA ha poi aggiunto “C’è bisogno di un atterraggio morbido, di uno sguardo esterno che ci aiuti a riscoprire la bellezza del luogo, dove si deve sviluppare una funzione strategica dell’innovazione, della cultura della formazione con flussi di comunicazione aperta. Vogliamo realizzare progetti in sinergia con la scena romana, nulla è precluso ma è in divenire, stiamo discutendo dei progetti e delle idee, tra cui quella di coinvolgere lo Street artist italiano Alberonero per far interpretare questo grande muro bianco che cinge la scuola. Ci sarà un bando, e Alberonero affiancherà i ragazzi in questa realizzazione.

NABA Roma
Il grande grande muro bianco che cinge la scuola dove, all’inaugurazione, era stato allestito il buffet, oggetto del bando di concorso per il murales che sarà realizzato dai vincitori coadiuvati dall’artista della street art Alberonero. Photo copyright MyWhere©

Appunto, come dicevamo prima, nessuna zona più di questa è nota per i murales, quindi ampio sfogo alla creatività (guidata!) di questi artisti come BLU, Alberonero ecc.

“Oggi per NABA si celebra una data importante: l’apertura ufficiale della nuova sede a Roma, una città complementare a Milano sotto tanti punti di vista e insieme epicentro della cultura italiana. Un ambizioso progetto che vuole coinvolgere la città e i suoi protagonisti del mondo della moda e del progetto, proseguendo il dialogo già avviato con la premiazione dei nostri studenti durante l’Open Call “Vesti il Parco archeologico del Colosseo” promossa da Altaroma e il Parco stesso lo scorso giugno, e la prestigiosa collaborazione con il MAXXI che ha dato vita a una giornata dedicata all’arte performativa all’interno della bellissima mostra La Strada a cui hanno partecipato alcuni nostri docenti e studenti del Biennio Specialistico in Arti Visive e Studi Curatoriali. Due iniziative di rilievo che rappresentano solo l’inizio della creazione di quel tessuto connettivo in grado di contribuire al processo di evoluzione della città in stretta collaborazione con le più importanti istituzioni del territorio” afferma sempre Donato Medici.

NABA ROMA
Photo copyright MyWhere©

Ma come si presenta la nuova sede romana di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti?

Per me che amo l’archeologia industriale è semplicemente bellissima. Look decisamente internazionale per questo nuovo campus che occuperà un’area di circa 3.700 mq, che sorge all’interno di due edifici storici di inizio Novecento, ristrutturati in modo da rispettarne la struttura architettonica, ma allestiti con un approccio innovativo per far vivere a studenti e docenti un’esperienza formativa unica e stimolante. Una proposta multidisciplinare che avvicina formazione e realtà culturale della città per far crescere nuovi talenti del design e del fashion anche nella capitale dopo la lunga esperienza milanese, andandosi ad inserire in un contesto di formazione con le molteplici offerte delle istituzioni romane quali: IED Roma, Accademia di Moda e Costume ed altre a seguire.

NABA Roma
Il taglio del nastro con l’AD Roberto Riccio e l’assessore regionale  Massimiliano Smeriglio. Photo copyright MyWhere©

 

Il taglio del nastro è stato affidato Roberto Riccio CEO del gruppo Galileo Global Education Italia (con sedi in tutto il mondo da Parigi in poi)GGE è il principale gruppo italiano nella private education in ambito moda, arte, design e media con oltre 8.000 studenti, e con NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, continua il suo percorso di crescita.

La nuova scuola, con Donato Medici come Managing Director e Guido Tattoni, Direttore della formazione sia della sede di Milano sia di quella di Roma avrà un’ampia e articolata proposta formativa che riguarderà inizialmente i percorsi triennali con avvio ad ottobre: Triennio in Fashion Design, Course Leader Colomba Leddi, Triennio in Media Design e Arti Multimediali, Course Leader Vincenzo Cuccia, Triennio in Arti Visive, Direttore del dipartimento Marco Scotini e Course Leader Andris Brinkmanis, Triennio in Graphic Design e Art Direction, Course Leader Patrizia Moschella.

NABA Roma

L’offerta accademica si completa con i corsi estivi, della durata di due settimane che si svolgeranno in tre differenti sessioni dal 24 giugno al 23 luglio nelle quattro aree didattiche, arricchendosi man mano per garantire un panorama sempre più ampio di proposte multidisciplinari. I due campus a Roma e a Milano, capitali internazionali della cultura, della moda, dell’arte e del design saranno, infatti, contraddistinti dallo stesso approccio, proponendosi non solo come luoghi di formazione, in cui le tradizionali discipline visive si combineranno con le nuove tecnologie digitali, ma anche di produzione grazie ad ambiziosi progetti con aziende e istituzioni italiane ed estere che daranno la possibilità agli studenti di lavorare su proposte concrete, potenziando l’efficacia della loro esperienza di apprendimento e ottimizzando lo sviluppo delle loro competenze per affrontare una brillante carriera professionale.

NABA ROMA
Il laboratorio di Fashion e Textile della nuova sede di NABA ROMA. Photo copyright MyWhere©

Proprio in quest’ottica il campus sarà fornito di tutti gli strumenti che consentiranno agli studenti di esprimere al meglio la propria creatività, ospitando alcuni laboratori specialistici, attrezzati con apparecchiature moderne dove gli alunni potranno realizzare i propri progetti e affinare le proprie tecniche: il laboratorio di Fashion e Textile, con macchine da cucire industriali, presse, ferri da stiro, manichini e busti sartoriali; il laboratorio di Arti Visive con tutto l’occorrente per stampa e incisione; il laboratorio di Illuminotecnica e quello di Grafica, con le migliori infrastrutture IT e i più innovativi equipaggiamenti high-tech per la sperimentazione artistica. A disposizione degli studenti anche un’ampia biblioteca con 32 postazioni studio e diversi spazi a loro riservati, come l’aula studio e varie aule ristoro.

La ricchezza qualitativa della facultye dei visiting professor animerà la nuova scuola, rappresentando da sempre il fiore all’occhiello di NABA. Educatori di grande competenza e professionisti di talento, attivi nel campo dell’arte e del design, in grado di portare una prospettiva attuale e realistica nelle lezioni e nei numerosi progetti di gruppo attraverso cui ispirare gli studenti a imparare, sperimentare e crescere ogni giorno per affacciarsi al mondo professionale con gli strumenti adeguati.

Vi informiamo che, se siete interessati a conoscere personalmente i docenti e tutti i corsi disponibili, la nuova sede sarà aperta al pubblico il 6 aprile dalle ore 10 alle ore 15 con un Open Day inaugurale durante il quale sarà possibile visitare il campus e scoprire tutti i dipartimenti dell’Accademia per soddisfare le curiosità e trovare risposta a eventuali dubbi, grazie anche alla possibilità di partecipare a incontri formativi personalizzati. Per registrarsi e consultare il programma completo cliccate qui.

NABA Roma

NABA
NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, è un’Accademia di formazione all’arte e al design: è la più grande Accademia privata italiana e la prima ad aver conseguito, nel 1980, il riconoscimento ufficiale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Offre corsi di primo e secondo livello nei campi design, fashion design, grafica e comunicazione, arti multimediali, scenografia e arti visive, per i quali rilascia diplomi accademici equipollenti ai diplomi di laurea universitari. A Roma saranno attivi i trienni in Fashion Design, Media Design e Arti Multimediali, Arti Visive, Graphic Design e Art Direction.

Nata per iniziativa privata a Milano nel 1980 per volontà di Ausonio Zappa, Guido Ballo e Gianni Colombo, ha avuto da sempre l’obiettivo di contestare la rigidità della tradizione accademica e di introdurre visioni e linguaggi più vicini alle pratiche artistiche contemporanee e al sistema dell’arte e delle professioni creative.

NABA è stata inserita da Domus Magazine tra le 100 migliori scuole di Design e Architettura in Europa, da Frame tra le 30 migliori scuole postgraduate di Design e Fashion al mondo e da BoF – Business of Fashion nel Global Fashion School Ranking. 

…Vi sembra poco?

NABA Roma

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.