Trovare lavoro nel mondo della moda: sveliamo tutti i segreti!

Trovare lavoro nel mondo della moda: sveliamo tutti i segreti!

ROMA – Presentazione del libro – Trovare lavoro nel mondo della moda – ed incontro con le autrici Barbara Nicolini e Paola Occhipinti sabato 5 novembre dalle 14 alle 18 allo IED Roma in via Giovanni Branca 122.

Siete amanti del mondo della moda ma non avete la benché minima idea di quante e quali siano le professionalità spendibili in questo campo? Siete consapevoli di non potere né voler diventare dei designer ma vi piacerebbe comunque  lavorare nel settore più bello del mondo?

Allora non prendete impegni per sabato 5 novembre. Dalle 14 alle 18 in via Giovanni Branca 122, a Roma, presso la sede dell’ Istituto Europeo di Design, Barbara Nicolini, head hunter specializzata nel settore del fashion nonché autrice del programma “Non aprite quell’armadio” e Paola Occhipinti, giornalista specializzata nel settore moda, beauty e wellness, vi aiuteranno a scoprire un’altra verità. Le autrici del libro “Trova lavoro nel settore della moda”, sono pronte, infatti, a svelarvi, in un incontro esclusivo, tutti i segreti del mondo del fashion racchiusi nel loro ultimo bestseller e a darvi tante altre dritte preziose, grazie alle quali, siamo sicuri, tornerete  a casa, ansiosi di inviare il vostro nuovo curriculum.

Il testo, un vero e proprio manuale, ricco di spunti pratici, suggerimenti e consigli inaspettati per chi vuole acquisire una professionalità in questo campo, o per chi ha deciso finalmente di cambiare il proprio monotono lavoro e assecondare la sua grande passione, contiene le testimonianze di molti protagonisti del mondo della moda, indicazioni sulla formazione più opportuna da seguire rispetto alla carriera che si desidera avviare e persino idee sull’outfit giusto per il giorno del colloquio.

Un incontro, quello con le  autrici,  aperto al pubblico e destinato a trasformarsi in un’occasione per soddisfare tutte le curiosità ma anche per ottenere una consulenza personalizzata e la risposte alle mille domande che un settore così amato è in grado di generare.

È davvero così facile trovare lavoro nel settore della moda?

Cos’è che genera in questo settore una crescita?

Quali sono le figure professionali sulle quali è meglio investire?

Qual è l’errore più comune tra i giovani?

Queste sono alcune  delle domande che porremo alle autrici e a voi, cosa piacerebbe chiedere? Venite, le autrici vi aspettano!

EVENTO FACEBOOOK: https://www.facebook.com/events/1935496633349799/

 

Testo di Lia Giannini

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

2 Responses to "Trovare lavoro nel mondo della moda: sveliamo tutti i segreti!"

  1. Lamberto Cantoni
    Lamberto   3 Novembre 2016 at 15:58

    Il sistema moda italiano è tra i più agguerriti e complicati al mondo. Per mantenere il posizionamento attuale ha bisogno di giovani sempre più preparati. Il libro che Lia ha ben presentato è uno strumento prezioso per chiarirsi le idee e ridurre i margini di errore per chi vorrà dare un contributo solido ad un comparto economico cruciale per il nostro Paese.

    Rispondi
  2. Rossella Piergallini   3 Febbraio 2017 at 16:26

    Il libro era stato presentato in Aula magna all’Accademia di Bologna in ottobre, aveva suscitato molto interesse da parte dei nostri studenti di Fashion design! Anche da parte dei docenti, indagare, interrogarsi sul sistema moda, capirne le sfaccettature, che si possono comprendere solo lavorando nel sistema. Spesso nelle scelte dei giovani che amano la moda c’è un’idea vaga e confusa del sistema,l’immagine che arriva loro è quella della vetrina, un’immagine patinata del successo, di un sogno che sembra irraggiungibile, ambiscono al traguardo e non si godono il tempo della sperimentazione e della ricerca nei successi della quotidianità.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.