Il nostro canto libero

Il nostro canto libero

ROMA- Al Teatro Olimpico una due giorni con la band  Canto Libero che rende omaggio a uno dei più grandi artisti della musica italiana, Lucio Battisti.  Teatro pieno e pubblico entusiasta.

Un momento dello show della Band Canto Libero al Teatro Olimpico

Sono solo canzonette, afferma qualcuno. Allora come spiegare il calore, l’entusiasmo, la passione, l’energia che il pubblico romano ha riservato alla band triestina Canto libero? Canto Libero è il nome della band triestina che da anni gira i teatri  riproponendo le canzoni di uno degli artisti più geniali della musica italiana, Lucio Battisti. L’idea di creare un gruppo musicale dedicato a realizzare cover di Lucio Battisti è di Fabio Red Rosso che così lo spiega

Dopo aver studiato molto la sua musica, Battisti mi ha sorpreso ancor di più. Secondo me, è stato il più grande artista che abbia mai attraversato il panorama musicale italiano, per quantità e qualità di brani. E poi, io amo anche la sua voce. Quando sono sul palco, ho grande rispetto per quel che faccio, intendo nei suoi confronti, e spero sempre di farlo al meglio. Di certo ci metto tutto me stesso. E spero di trasmetterlo al pubblico. Non si trattava di fare delle belle cover di pezzi che amavamo. È uno spettacolo studiato nei minimi dettagli, nulla è lasciato al caso, arrangiamenti curatissimi, dinamiche e scenografie, videoproiezioni. Insomma, ci abbiamo messo il cuore

E il pubblico risponde con il cuore. Canta appassionato e balla. Sorprende vedere persone che appartengono a diverse generazioni mostrare una tale ammirazione per un cantante scomparso ormai da tanti anni, 25 per la precisione. Famiglie intere, padri e figli abbracciati cantare insieme. La musica di Lucio Battisti unisce e coinvolge come poche volte accade.

Con Fabio Red Rosso sul palco un gruppo di musicisti straordinari. Il pianoforte e la direzione musicale di Giovanni Vianelli, le chitarre di Emanuele Graffo Grafitti e Luigi Di Campo, Alessandro Sala al basso e alla programmazione computer, la batteria di Jimmy Bolco, le percussioni e la batteria di Marco Vattovani, Luca Piccolo alle tastiere. E poi le splendide voci di Joy Jenkins e Michela Grilli, i video di Francesco Termini e l’ingegnere del suono Ricky Carioti.

La band  continua la sua tournée e dopo Roma sarà la volta di  Varese il 16 marzo, Legnano il 17 il 18 Milano Teatro Nazionale. Ad aprile Bologna il 4, Arezzo il 5, Livorno il 6 e gran finale a Padova al Gran Teatro Geox il 20 aprile 2024.

Anna Maria Di Francesco

Leave a Reply

Your email address will not be published.