Il Colosseo si illumina per l’anniversario di Italia e Giappone.

Il Colosseo si illumina per l’anniversario di Italia e Giappone.

150° Anniversario delle relazioni tra Italia e Giappone: Mercoledì 11 maggio alle ore 20.20, in occasione della visita in Italia delle Loro Altezze Imperiali il Principe e la Principessa Akishino, si svolgerà la cerimonia di accensione dell’illuminazione celebrativa del Colosseo.

Sapevate che stiamo celebrando un sodalizio ultracentenario con il Giappone?
Ed il 2016 è ricco di eventi per celebrare il 150°Anniversario delle relazioni tra Italia e Giappone. Celebrazioni iniziate già da qualche mese in tutta Italia, ma l’evento clou ci sarà tra qualche giorno a Roma! Mercoledì  11 maggio 2016 infatti, dalle ore 20,00 si terrà un light-up del Colosseo, opera delle due artiste della luce di fama internazionale:  Motoko Ishii Lighting Design.
L’evento è libero perché vuole essere un progetto per coinvolgere tutto il pubblico romano e straniero che hanno la fortuna di trovarsi nella capitale in questi giorni. E calcolando che ci sono anche gli Internazionali di tennis nelle stesse date sarà un sold out di visitatori provenienti da tutto il mondo e presenti nel nostro paese!

Siamo stati alla conferenza stampa presieduta da Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che ha definito così l’iniziativa:<<Sarà una speciale illuminazione del Colosseo, monumento patrimonio culturale ed emblema dell’Italia, che si farà portatore di “messaggi di luce” volti a trasmettere l’amore per le persone e per la Terra.
Un “progetto che illumina il nostro Paese”. Per questo è stato scelto il monumento più identificativo del paesaggio italiano. Qui viene usata la parola amore proprio a supporto dei rapporti di reciproca conoscenza ed amicizia tra gli Stati. La via diplomatica, da ambasciatore della cultura, costruisce percorsi solidi per la nostra cultura>>

L’Ambasciatore del Giappone in Italia, Kazuyoshi Umemoto, ha aggiunto: <<Abbiamo avuto una grande collaborazione dal ministro della Cultura Franceschini per realizzare questo progetto con le due famosissime artiste che hanno realizzato già in giro per il mondo diverse opere: Mokoto Ishii e Akari-Lisa Ishii. Madre e figlia, sono le due lighting designer che hanno realizzato, per esempio, l’illuminazione della porta di Brandeburgo in Germania, poi della Senna e nel 2009 hanno realizzato anche l’illuminazione sui tre ponti del fiume Tevere. Note anche per la Tokyo Tower così come per i  numerosi parchi e palazzi o ponti famosi in giro per il mondo>>.

(Se volete conoscere un po’ la loro arte ecco il sito aziendale: http://motoko-ishii.co.jp/#pageworks01en.html ).

JAPAN_porta brandeburgo JAPAN_porta brandeburgo_2 JAPAN_torre Eiffel_2

L’Ambasciatore prosegue così:<< Sarà una grande emozione vedere il Colosseo inondato di luce come testimonianza dell’amicizia che unisce i due paesi. Nel corso di quest’anno per questa ricorrenza avremo tantissime iniziative in diverse città italiane che vi consiglio di non perdere: come a Palazzo Reale a Milano, (settembre 2016- gennaio 2017), la mostra su Hokusai, Hiroshige e Utamaro. Al Museo dell’Ara Pacis di Roma, da giugno a settembre, il fotografo Domon Ken, poi alle Scuderie del Quirinale a Roma, (29 luglio – 4 settembre), i capolavori di scultura buddhista giapponese. Ci auguriamo che possiate partecipare a questi eventi dove l’arte contemporanea giapponese e l’arte italiana s’incontrano. Sarà un anno così intenso di eventi! >>. (In fondo all’articolo vi segnaliamo dove potete scaricarvi il programma).

Poi la parola è andata alle due Lighting designer, a Mokoto Ishii (madre) e Akari Lisa Ishii (figlia). <<Io risiedo e svolgo la mia professione da designer dell’illuminazione prevalentemente a Tokyo, mentre mia figlia Lisa risiede in Francia e ha la sede a Parigi. Finora abbiamo al nostro attivo diverse celebrazioni in altri paesi ma oggi siamo qui a Roma per celebrare, nella cornice dei 150 anni di amicizia tra Italia e Giappone, la bellezza di una grande città come Roma.
In questa importante ricorrenza abbiamo pensato di realizzare sul Colosseo questa magia di luci scegliendo il luogo più carismatico, e ricco di storia, di questo Paese. In realtà abbiamo provato a valutare inizialmente diverse sedi a Roma, ma il pensiero andava sempre a prediligere il Colosseo per la sua imponenza.
Per arrivare all’inagurazione di questo evento ci siamo avvalsi della collaborazione di molte persone, professionisti italiani, con partner e collaboratori da tutto il mondo.
Il fulcro del nostro progetto è quello di lanciare, attraverso questo progetto d’illuminazione, il messaggio
di “amore per la terra, per il pianeta e per le persone”. Vogliamo fare un appello al mondo per dare la giusta importanza alla natura di cui è caratterizzato il nostro meraviglioso pianeta terra. Da questo l’ispirazione della parola amore proiettata e replicata in 150 lingue diverse come stelle del firmamento>>.

In un momento come quello attuale, il progetto si propone di lanciare un appello al mondo sull’importanza di amare il nostro pianeta e le persone che lo popolano, continuando a salvaguardare l’insostituibile natura. Parole d’amore in varie lingue del mondo, sotto forma di “messaggi di luce”, splenderanno come stelle nell’universo, riunendosi per dar vita, sulla facciata del Colosseo, ad uno spettacolo di luci che ammanti la Terra. Un meraviglioso gioco di luci che, accompagnato da proiezioni oniriche, si ripeterà ogni dieci minuti al ritmo di una musica palpitante. Il Colosseo verrà illuminato con dispositivi d’avanguardia per riportare a nuova vita delle antiche e imponenti vestigia, con la luce della modernità. E verrà ripetuto in sequenza continua con giochi di luce attraverso tecnologie  all’avanguardia dal 11-12-13 maggio dalle 20,30 alle 23.

Akari Lisa Ishii continua così: <<Per il light-up è stato costruito un programma software  proprio per questo evento. Durerà dieci minuti con un gioco di luci dinamico e molto coinvolgente in cui l’animazione nasce da miei disegni creati appositamente per l’occasione. Questa sarà la prima volta che l’antica tecnica giapponese della pittura ad inchiostro sarà proiettata su grandi spazi per ottenere degli effetti davvero suggestivi.
Inoltre ci sarà l’accompagnamento musicale: un brano scritto appositamente per accompagnare le proiezioni e con sonorità tipiche delle musiche di corte. Le proiezioni saranno sul Colosseo e verranno proiettate dalla parte più alta del foro romano.
In particolare noi due, in un momento di fragilità per la comunità internazionale come questo, abbiamo voluto dare ancor più valore al messaggio di amicizia. La parola Amore, qui intesa come rispetto, non è riferita a quello di due amanti ma a quello che lega un genitore ad un figlio, e viceversa, nel modo più esteso possibile>>.
Francesco Prosperetti Soprintendente Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma, ha aggiunto: <<Siamo orgogliosi di ospitare queste due signore, geniali interpreti della tecnologia della luce. Il progetto è stato concertato nei dettagli , con diversi incontri ed anche prove in anteprima. È un evento raro che il Colosseo venga concesso per un’opera così iconica come l’installazione di luci. Inoltre l’illuminazione sarà attiva per tre sere in uno dei luoghi, diventati negli ultimi anni, il luogo più frequentato dai turisti e dai romani stessi anche nelle ore serali>>.

Umberto Vattani, Presidente della Fondazione Italia Giappone: <<Oggi celebriamo 150 anni ma è importante ricordare che la prima missione giapponese in Italia avvenne più di 400anni fa. E la collaborazione con l’Italia, ma con Roma in particolare, risale fino al recente restauro (finanziato da un magnate Giapponese e terminato il 20 aprile 2015) della piramide di Caio Cestio, l’unica presente in Europa interamente di marmo di Carrara.  La Fondazione Italia-Giappone farà in modo che la prima illuminazione realizzata insieme abbia la fortuna di quella fatta già in Giappone a Tokyo Tower, che, inizialmente, doveva durare un mese ed invece fu protratta per un anno. Inoltre, noi ci auguriamo che le trattative tra Europa e Giappone arrivino ai loro scopi con questo programma culturale vastissimo e ricchissimo d’iniziative. Mercoledì 11 maggio alle ore 20.20, in occasione della visita in Italia delle Loro Altezze Imperiali il Principe e la Principessa Akishino, si svolgerà la cerimonia di accensione dell’illuminazione celebrativa del Colosseo. Sarà davvero un grande momento>>.

Ricordiamo che nell’anno 1866 venne stipulato il “trattato di amicizia e commercio” tra il Giappone e l’Italia e cinque anni prima, nel 1861, noi festeggiavamo l’Unità d’Italia. Inoltre è importante ricordare che nel 1868 Tokio diventava capitale e nel 1870 lo diventava anche Roma.

Quindi invitiamo tutti i nostri lettori a non perdere di seguire questa incredibile occasione, ricordando che l’evento, che alla cerimonia di accensione che si svolgerà in occasione del 150° Anniversario delle relazioni tra Italia e Giappone, parteciperanno le Loro Altezze Imperiali il Principe e la Principessa Akishino con il Sottosegretario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ilaria Borletti Buitoni.

Area degli allegati

http://www.it.emb-japan.go.jp/150/pdf/programma_150.pdf

150° Anniversario delle relazioni tra Italia e Giappone

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.