Achille Lauro oltre il romanzo della formazione. Da Sanremo al 16 marzo

Achille Lauro oltre il romanzo della formazione. Da Sanremo al 16 marzo

ITALIA – Achille Lauro sarà ospite fisso nel cast della 71esima edizione del Festival di Sanremo. In attesa della sua performance dove presenterà 5 ‘quadri’, ripercorriamo la sua storia. Ve ne avevamo parlato in concomitanza dell’uscita in libreria di 16 Marzo – L’Ultima Notte, edito da Rizzoli, dove il poliedrico cantante-scrittore si mette a nudo (non solo a parole). Dopo l’autobiografia Io sono Amleto del 2019, anche questo libro diventa subito best-seller. Dopo averci impressionato in concerto dal vivo a Bologna, non potevamo non curiosare sul suo nuovo progetto.

Se la sua autobiografia era una dichiarazione d’amore per le donne: “Io voglio essere mortalmente contagiato dalla femminilità, che per me significa delicatezza, eleganza, candore“, ora reduce dal successo del Festival di Sanremo,  con 16 Marzo – L’Ultima Notte, a metà tra letteratura e poesia, definisce il romanzo della formazione di un uomo che attraverso la propria capacità di interpretazione di se stesso e del continuo mutamento, ha trasformato i suoi stati d’animo in una poetica dolorosa, rivolta a chi gli stia intorno. A bordo di una evocativa DeLorean, il viaggio letterario di Achille Lauro esplora passato presente e futuro, una “Ultima Notte” descritta in un racconto che narra di stati d’animo, di verità, di visioni, di follia, di consapevolezza e di maturità, di paura e di coraggio.

Achille Lauro libro foto MyWhere

Lauro esplora in un viaggio di 24 ore, la molteplicità dell’essere e le sue possibilità di palesarsi in differenti e difformi essenze, vissute ad occhi aperte e nitidamente luccicanti. La conoscenza profonda dell’essere in cento personalità senza timori e paure, coglie l’essenza stessa dell’uomo moderno polimorfo e libero di essere, un “uno nessuno e centomila” che si esterna anche nella libertà dall’identità di genere.

«In un mondo in cui l’identità di genere maschile è ancora purtroppo forgiata da stereotipi che presentano caratteri di violenta tossicità, Lauro offre una possibilità di ripensamento. Questo suo fregarsene, leggero e consapevole, è rigenerante. È prassi poetica, creatrice. È preludio di un futuro che Lauro coltiva in maniera spavalda e giocosa, come un pittore folle che accarezza sogni tremolanti», si legge in una delle due prefazioni del libro a firma di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci. E Lauro, con i suoi mille travestimenti, immortalati da mille obiettivi, ci guida in questa visione rigenerante dell’amore, sia esso tossico o fiabesco, perché solo lui può dispensare la gioia e il dolore da cui non possiamo dispensarci.

Le pagine de Il 16 marzo di Achille Lauro

Che cosa accade in noi quando un amore ci trasforma, ci violenta, ci intossica a poco a poco come un veleno?

«L’amore malato si cura con più amore.»

In un trascinante racconto poetico Achille Lauro scorre lungo le 24 ore del 16 marzo aprendo la porta del sogno, per poi approdare all’alba e recitare la parte da uomo di successo. Le parole si affastellano nella mente portando con se i ricordi di una vita trascorsa in squallidi casermoni, e si sovrappongono a quelli attuali di stivaletti lucidi firmati e riunioni ai piani alti. Ma tutto ciò è solo uno scenario che appare sullo sfondo, distaccato dalla voce dell’anima.

La copia autografata

Voce potentissima che grida l’amore e all’amore. Grida come tanti già gridarono, piangendo e maledicendo, da Saffo a Prévert. Amore, splendida illusione.  Amore come un despota, o una roulette russa. Eppure «il Purgatorio è amare e non accorgersene, / l’essere vuoti, / il non provare più nulla: / il “non essere”». L’amore è Inferno e Paradiso. Ci tormenta e ci uccide. Ma è il solo a poterci rigenerare, riportare in salvo. E ad aprirci orizzonti di arte e poesia. Achille Lauro racconta chi è davvero Lauro De Marinis (il suo nome vero) e guarda a lui come fosse il suo riflesso nello specchio: per la prima volta vede non più un ragazzo ma un uomo maturo che nel tempo di una notte si sofferma a pensare, trasformando i suoi stati d’animo in una poetica e dolorante esternazione.

16 marzo di Achille lauro MyWhere

Con lo stesso titolo 16 marzo del singolo uscito ad aprile 2020, questo libro non si riduce ad un semplice compendio alla canzone ma si configura come un viaggio inedito alle radici della creatività e dell’ispirazione di un artista, legittimamente cantautore, che affonda a piene mani la sua ispirazione nella sua storia, per poi attualizzarla e riadattarla al presente: la sua è un’antica/nuovissima canzone ed è solo l’assaggio di un album che si intitola 1969, come un vecchio anno pieno di rivoluzioni. E si plasma come un vibrante ed irresistibile poema d’amore.

16 marzo di Achille Lauro
©Marianne Bargiotti Photography Achille Lauro in concerto a Bologna all’Estragon per il Rolls Royce Las Vegas Tour

“QUESTA NOTTE HO SCRITTO UNA LETTERA AD UNA RAGAZZA.

L’HO CHIAMATA COME IL GIORNO IN CUI GLIEL’HO DEDICATA.

COME IL MESE DEI NUOVI AMORI.

QUEL MESE IN CUI OGNI DONNA TORNA DA CHI NON LA STARÀ CERCANDO PIÙ.

COME ME.”

16 MARZO, ACHILLE LAURO

16 marzo di Achille lauro MyWhere

Queste foto fanno parte del libro di Achille Lauro che abbiamo acquistato durante la presentazione in libreria senza dimenticare di farsi fare un autografo.

È impossibile descrivere la traccia delle poesie o meglio la descrizione della sua vita e carriera in forma diversa tra prosa e poesia ma qui vogliamo mostrarvi la grafica accattivante del libro arricchita anche dalle foto dei suoi numerosi look.

Non vogliamo svelarvi di più perché aspettiamo i vostri commenti alla nostra recensione.

 

 

Marianne Bargiotti

12 Responses to "Achille Lauro oltre il romanzo della formazione. Da Sanremo al 16 marzo"

Leave a Reply

Your email address will not be published.