Mangiare in Fabbrica: tra storia, cultura e sarcasmo.

Mangiare in Fabbrica: tra storia, cultura e sarcasmo.

Alla scoperta dell’ultracentenaria Argenteria Pampaloni fiorentina, con le sue dissacranti creazioni.

L’argenteria Pampaloni è un’azienda ultracentenaria (fondata nel 1902 a Firenze) nota per le sue creazioni in argento, dal design originale ed elegante, capaci di esprimere l’evoluzione stilistica di un segmento importante dell’artigianato italiano.

I suoi oggetti producono sempre un forte impatto visivo ed emotivo perché, pur essendo opere tutte incentrate sulla lavorazione tradizionale dell’argento, la martellatura, il cesello, l’incisione e lo sbalzo sono tecniche messe a servizio, potremmo dire “rideclinate”, per permettere all’argento di esprimere forme e contenuti della modernità.

Coppa Tennis Coppa Tennis_2

Queste creazioni preziose hanno fatto, e continuano a fare, costantemente il giro del mondo e vengono richieste da una clientela molto eterogenea: alcune opere sono infatti state esposte al MoMA di New York, altre sono diventate  trofei prestigiosi come la coppa degli Internazionali di Tennis BNL Italia o la clessidra d’argento offerta dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences a tutti i candidati all’Oscar 2002.

Il Papa in Sinagoga_2 Il Calice

Come pure va ricordata l’argenteria sacra: Papa Francesco, in occasione della visita alla comunità ebraica, ha donato al Rabbino Capo un calice d’argento, di manifattura Pampaloni, realizzato dall’artista e designer israeliano David Palterer.

Ma entriamo per un momento nel negozio Pampaloni che si trova a Firenze in via Porta Rossa 99, cioè una delle vie principali delle arti e delle corporazioni fiorentine del Rinascimento. Prima di tutto si è colpiti dalle vetrine che qui vogliono esprimere i nuovi contenuti dell’uso dell’argento da parte di quest’azienda; si ispirano a fatti di attualità e di rilievo sociale e politico, registrano nel micromondo di oggetti per la casa o nei gioielli i sentimenti e le oscillazioni del gusto provocati dai profondi mutamenti del mondo. Si prende in giro la melensa festa di San Valentino, i gioielli da adescamento di Ruby, il viaggio lisergico, la brutta casa di Gheddafi, ma si piange l’assassinio del drammaturgo israelo- palestinese Juliano, il dramma nucleare del Giappone, la sofferta Unità d’Italia.

All’interno del negozio, tra gli arredi che  risalgono alla seconda metà dell’’800, si susseguono le collezioni di tre generazioni di argentieri che si sono sempre avvalsi della creatività di maestri del design del calibro di Binazzi, Branzi, Mendini, Sottsass, Coates, Serafini, De Lucchi.

I grandi argenti, i bicchieri, i vasi, le posate vi sorprenderanno. Come pure le borse e altri accessori in pelle decorati in argento.

Bichierografia

Bichierografia_2

Va assolutamente vista l’incredibile lineaBichierografia che, quattrocento anni dopo la creazione dell’inesauribile estro del pittore romano Giovanni Maggi, (creata nel 1604 per il Cardinal Del Monte rappresentando il Gran Duca di Toscana a Roma),  è oggi tra le collezioni primarie di quest’azienda centenaria.

Nell’ultimo periodo ha destato molta curiosità l’originale iniziativa di trasformare la mensa aziendale in un vero e proprio ristorante.

Il ristorante In Fabbrica, questo il suo nome, (Via del Gelsomino, 99, 50125 Firenze), rispecchia perfettamente la filosofia della famiglia Pampaloni: il fascino di cenare all’interno di una fabbrica d’argento dove ogni cosa risplende di luce propria, circondati da stoviglie di grandissimo pregio, candelabri, vasellame dalle forme classiche posti accanto a elementi pop e dissacranti. http://restaurant.pampaloni.com/

Ristorante

Ristorante_2Suppellettili ispirate a fatti di attualità o dai grandi mutamenti in atto come una falce e martello posta in bella mostra o bellissime luminarie con neon colorati.

La visita all’argenteria Pampaloni, in occasione di Pitti Uomo, ci ha molto colpito, attraverso le sue collezioni e il suo ristorante si prova la sensazione di entrare in un archivio  del gusto e del design italiano, ma nello stesso tempo permette di osservare e immaginare le prospettive future della nostra cultura artigianale nel contesto postmoderno e della società in rete.

Borsa Oliera

Vi informiamo che è stato appena aperto un nuovo negozio anche a Roma, a Via Bocca di Leone, 91, che inaugurerà ufficialmente durante la settimana di AltaRoma (28-31 Gennaio 2016) con un evento che richiamerà, oltre gli operatori del fashion system presenti nella Capitale per la settimana della moda, curiosi, artisti, jet set e studiosi della cultura della nostre eccellenze dell’artigianato italiano, famose in tutto il mondo.

Ulteriori info se leggete:

https://www.mywhere.it/19500-2/

 

 

Paolo Riggio

Roma e Prati, mare e montagna e campi da pallone da piccolo, laurea in cinema alla Sapienza, città europee e scuola di giornalismo sportivo Mario Sconcerti da grande. Scrivo e continuo a giocare a calcio da quando ho ricordi, mi considero un calciofilo. La mia altra grande passione è il cinema che ritengo la rappresentazione più autentica del mondo, lo sguardo di chi analizza al microscopio i contesti della nostra vita e le sue storie offrendocene una visione diversa dalla nostra.
Paolo Riggio

Leave a Reply

Your email address will not be published.