Spoleto 61, confermatissimi gli incontri di Paolo Mieli

Spoleto 61, confermatissimi gli incontri di Paolo Mieli

SPOLETO – Anche quest’anno il gruppo HDRÀ organizza all’interno del programma del Festival dei 2Mondi Gli incontri di Paolo Mieli, il format che da ormai 5 anni rappresenta per la manifestazione un appuntamento irrinunciabile di grande prestigio. 

Opera, musica, danza, teatro, informazione, presenza di premi Oscar, eventi speciali,  mostre d’arte, mondanità e…Paolo Mieli. Si presenta così la 61′ edizione del Festival dei Due Mondi 2018 di Spoleto, che dal 29 giugno al 15 luglio, proporrà 17 giorni di puro spettacolo.

Anche quest’anno, per tutti gli appassionati del mondo dell’informazione, il Festival presenta un altro motivo di interesse legato al rapporto cultura-comunicazione:  stiamo parlando della rassegna Gli Incontri di Paolo Mieli, presentata e condotta da una delle voci più influenti del giornalismo italiano.  La rassegna è organizzata dall’agenzia HDRA’, uno dei maggiori gruppi di comunicazione integrata, interamente italiano. HDRA’ si occupa in particolare di politica, cultura, arte, grafica, cinema e grandi eventi e quindi possiede al proprio interno la struttura adatta per intervenire in modo funzionale a una kermesse storicamente innovativa come il Festival dei Due Mondi. Sotto la lente di Mieli, tra le voci più influenti del giornalismo italiano, i personaggi che hanno saputo imporre il loro passo alla vita politica, economica e culturale del nostro paese.

Gli appuntamenti, che si terranno nel secondo e terzo weekend del festival,  sono un’occasione pubblica ma allo stesso tempo restituiscono quell’intimità di una conversazione amichevole , condotta sempre con l’intelligenza, lo spirito e la professionalità che contraddistinguono le interviste di Paolo  Mieli.

paolo mieli

Il Festival dei Due Mondi, detto anche Spoleto Festival, è una rassegna internazionale di musica, arte, cultura e spettacolo che si svolge annualmente nella città di Spoleto nella bellissima piazza Duomo dal 1958.

Gli artisti e personaggi che vi hanno preso parte appartengono al settore della prosa, della lirica, della danza, dell’arte marionettistica, dell’arte oratoria, della musica, del cinema e della pittura.

Fondatore del Festival dei Due Mondi di Spoleto è il maestro compositore e librettista Giancarlo Menotti (scomparso nel 2007), che istituì la manifestazione nel 1958. Dalla metà degli Anni ‘90 e fino al 2007, direttore artistico è stato il figlio Francis Menotti. Prima di lui si ricordano le direzioni di Romolo Valli e di Raffaello De Banfield. Nel 2007 viene nominato direttore artistico Giorgio Ferrara, in un momento di forte crisi del Festival.  Sotto la sua guida quasi decennale, il Festival di Spoleto è cresciuto fortemente, passando dalle 5 mila presenze del 2007 alle 70 mila del 2015, contribuendo a far restare la manifestazione un evento di risonanza internazionale e da non perdere

Info sul Festival dei Due Mondi: Festival di Spoleto

Invece per consigli sono come trascorrere ore di relax, o dove soggiornare e cosa visitare, ecco qui la nostra descrizione “salutare” di come vivere in modo originale i dintorni di Spoleto. Per immergervi nel verde della Valnerina, tra una visita ed un evento culturale si può scegliere di trascorrere una giornata ai Bagni di Triponzo, divenuti la SPA più grande dell’Umbria.

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.