Tradizioni, curiosità e glamour nella nostra guida del Lazio

Tradizioni, curiosità e glamour nella nostra guida del Lazio

La tradizione pasquale ci coinvolge in performance culinarie dalle diverse declinazioni per ogni tradizione. Come per qualsiasi prodotto enogastronomico risaliamo alle origini, indagando su ogni elemento del terreno che lo caratterizza, andando a distinguerne le peculiarità che, seppur lo stesso alimento, lo vanno a connotare. Così si differenzia un prodotto per aver goduto di più o meno sole, di un terreno più o meno ferroso, di una vicinanza alla brezza marina piuttosto che alle vicine montagne o terreni vulcanici fino alla varietà delle caratteristiche organolettiche.
Ed ecco che andiamo in giro a degustare l’olio ligure, toscano, pugliese e così via, per poi cogliere i sapori dei pomodori pachino dalla Sicilia o dei verdoni dalla terra pontina, per non parlare dei territori del vino dove in ogni dove si vanno a distinguere uvaggi Merlot, Chardonnay, dal Cesanese al Pinot o Sangiovese e mille altri.
Ma poi le vere differenze le cogliamo grazie alla mano dell’uomo, che vendemmia o conserva il buon vino con tecniche centenarie in diverse tipologie di botti, o crea l’olio nei frantoi più all’avanguardia o più tradizionali in pietra; che passa dalle coltivazioni biologiche alle conserve di tradizione contadina. Differenze della stessa mozzarella anche dalla mungitura del latte più fresco, di mucca, di bufala, i caprini e pecorini e quant’altro, fino alle stagionature più diverse per tutte le specialità dei formaggi.
In questa rubrica vogliamo cogliere in ogni luogo, del Lazio e non solo, la maestria del cibo dalle caratteristiche più originali.
Vogliamo cogliere le sue differenze che spesso ad un occhio veloce e disattento sfuggono, e guidarlo in una selezione che enfatizzi le peculiarità. Il Lazio come ogni Regione ha delle caratteristiche che variano da paese a paese, ed ogni confine ci esprime il sapore della sua terra in base alle tradizioni, contadine a volte, marinaie in altre. Da rocche medievali a paesini agresti, da torrioni fortificati a castelli che affacciano sui laghi, da campagne verdeggianti a colline tufacee.
Il Lazio nell’olio, nel vino, nel latte e nella frutta. La tradizione culinaria attraverso la mano di grandi chef ed attraverso la cucina povera dei borghi antichi. La creatività dall’alta cucina alle tradizioni popolari, così come il crocevia enogastronomico in una città multietnica, dalla tradizione della cucina ebraica, alle nuove culture filosofali o religiose che impongono sofisticati menù. Qui troverete esclusive o informali chiacchierate con chef stellati e con la signora del bar sotto casa. Saremo punto di riferimento per le vostre curiosità e consigli sul dove andare a trovare un prodotto, dove comprare un piatto già pronto da servire in una cena conviviale senza affaticarsi troppo, fino alla vera pasta a mano, o conserva e marmellata, per finire con l’olio o il vino locale fino all’arte pasticciera.
Sappiamo bene che tutte le tradizioni regionali si esprimono al meglio proprio in quest’arte. Dalle tradizionali torte rustiche, dolci o salate che siano, agli ingredienti che si fondono insieme nelle creme o con il cacao, con la frutta candita o con il miele, con le farine più pregiate o le innumerevoli tecniche di lievitazione.
Poi vi consiglieremo anche dove andare a comprare i prodotti, o dove organizzare un aperitivo, una cena aziendale o il vostro ricevimento.
Dove trascorrere un bel weekend rilassante o dove assaggiare tutte le specialità enogastronomiche. Seguire le manifestazioni più affascinanti e fashion, da AltaRoma alla Festa del Cinema di Roma, dalle mostre d’arte ai grandi eventi sportivi o musicali, dalle prime teatrali ai concerti da non perdere, dagli eventi più glamour ai vernissage più seguiti, fino alle boutique più di tendenza o esclusive.
Poi luoghi, rocche e borghi da visitare o boschi da attraversare. Dove comprare una confezione regalo di un buon vino o liquore e dove sbizzarrirsi per la ricerca di oggetti, come del tappo, del cavatappi e dell’utensile da cucina più innovativo o più unico da regalare. Poi vi consiglieremo dove trovare l’uovo di Pasqua più originale, la colomba più genuina, la confezione più caratteristica che ci ricorda il luogo d’origine, o quella più estrosa o più romantica per un regalo di cioccolata che va al di là delle feste pasquali.
Digitate qui nel cerca di MyWhere la parola –LAZIO– e troverete i link agli articoli più curiosi o quelli più esperti con le interviste dei nostri giornalisti ai personaggi che abbiamo incontrato.
Qui vi elenchiamo alcuni link di attività che abbiamo visitato ed intervistato, dallo Speciale Tuscia allo Speciale Ciociaria, oltre agli originali luoghi della ristorazione e dintorni e tutte le attività commerciali che vi suggeriamo di visitare a Roma.

Commentate le nostre recensioni e  segnalate le vostre preferenze, ma soprattutto leggeteci per tenervi aggiornati sulle tappe più caratteristiche. 

SPECIALE TUSCIA

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.