Parlar di Sesso a San Valentino

Parlar di Sesso a San Valentino

Perché non dovremmo parlare di sesso proprio a San Valentino? È la serata giusta, forse la migliore, dove gli innamorati si prendono tempo per stare l’uno di fronte all’altro. In quel giorno dove pare tutto sia concesso, l’unica cosa che ancora fa scalpore è quella di parlare di cosa si finisce a fare dopo la cena. Ci pensa PierGiorgio Parini a scardinare i tabù, lui che con il suo modo gentile e la sua cucina delle erbe sembra allontanarsi anni luce dal momento erotico post cena, quest’anno butta fuori un menu da far girare la testa, Sesso.

PierGiorgio Parini
PierGiorgio Parini

Ne parla così Parini nella presentazione. “In questo menu il tema centrale è il sesso, una parola tabù.
Non cerco una definizione o una scusa per poterla pronunciare ma una maniera scherzosa o seriosa per poterla eviscerare, con i mie mezzi e le mie idee, senza voler offendere nessuno e con rispetto.
…guardando oltre oppure non guardando affatto, forse basta sentire. Cosa? Il profumo dell’uomo o della donna che stanno di fronte… il contatto, l’incontro, lo scontro, questo può essere sesso?”

I paccheri di PierGiorgio Parini
I paccheri di PierGiorgio Parini

Tra i tavoli del Povero Diavolo di Torriana sarà una vera e propria esperienza libidinosa quella che avvolgerà i commensali nel giorno degli innamorati. Si comincia con il Brodo, caldo, avvolgente e sincero. Il brodo non tradisce mai, scende nell’esofago scaldando il petto e aprendo la strada alle sensazioni. Si procede con Diaframma, a me è venuto subito in mente l’anticoncezionale o il diaframma pelvico, ma immagino lo chef intenda quello toracico che coinvolge il respiro, l’emozione, la mancanza di aria dovuta a una grande eccitazione. Il Diaframma è il più importante muscolo respiratorio e in un menù come quello di Parini immagino rappresenti il momento di stupore per una situazione inaspettata. Avanti tutta con le Conchiglie. Dure fuori e morbide dentro. Quando le apri il mollusco al loro interno hanno la chiara sembianza di una vagina. Morbidezza che si amalgama a consistenza. È un pò come aprire una perla rara e trovarne il profumo di mare e respirarne l’essenza. Il coup de théâtre raggiunge il suo culmine massimo con il piatto dell’amore, i Paccheri. Qui potrei dilungarmi con un trattato lungo un mese. I paccheri, già nel nome hanno una storia, ti danno una pacca, si, una pacca che ti scuote, ti avvolge, ti solletica. Con la loro immagine così scarna, sembrano timidi maccheroncini un pò più grandi, ma la verità è che nel pacchero sta racchiusa tutta l’essenza dell’amore. Loro contengono l’elisir di una notte bollente. La pelle liscia che mostrano all’esterno fa ricordare il fianco sinuoso di una donna. Il colore, riecheggia l’incarnato puro di una vergine, la consistenza sta al pacchero come l’eros sta al letto. Non vi dico altro per non togliere la sorpresa e proseguo con le Lasagne che riempiono la bocca. Piccione e ostriche è il chiaro incontro tra il maschio e la femmina, io e tu, insieme nella nostra diversità. Finisce con Caffe e sigaretta e qui, devo fare un applauso alla genialità di PierGiorgio Parini, perché dopo un atto sessuale come si deve il caffe e la sigaretta è ciò che serve per cadere in un sonno profondo.

Non so se questo sia food porn o se sia un nuovo modo di vedere la cucina per ciò che è: un agglomerato di sensazioni che partono dalla bocca e poi si propagano per tutto il corpo fino a toccare tutte le corde dei sensi. Beh, diciamo che questo menù, è davvero da provare e non solo a San Valentino.

Menu
Brodo
Diaframma
Conchiglie
Paccheri
Lasagne
Piccione e ostriche
Caffè e sigarette
1 Cioccolatino

POVERO DIAVOLO RISTORANTE E LOCANDA
VIA ROMA 30
47825 TORRIANA – RIMINI
TEL 0541 675060
info@ristorantepoverodiavolo.com
www.ristorantepoverodiavolo.com

Blue G.

Se Dio creò l’arte, il diavolo creò gli artisti, se Dio creò l’amore, il diavolo creò il sesso, se Dio creò il cibo sicuramente il diavolo creò i cuochi e se Dio creò la donna allora il diavolo creò Blue. Scrivo perché non potrei fare nient’altro, o forse si, potrei mangiare continuamente, ma questa è un’altra storia.
Blue G.

Latest posts by Blue G. (see all)

One Response to "Parlar di Sesso a San Valentino"

  1. Lamberto.cantoni   13 Febbraio 2014 at 08:42

    Il tuo porno food e’ divertente. Manca pero’ un riferimento al cosa bere. Non posso credere che il tuo menù preveda solo h20. Quali possono essere i vini compatibili? Suggerisco un buon lambrusco.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.