I due Papi a teatro

I due Papi a teatro

ROMA – In occasione delle esequie di Benedetto XVI abbiamo avuto modo  di ricordare il film di Fernando Mereilles basato sul testo I due Papi di Anthony McCarten. Arriva ora sulle tavole del palcoscenico della Sala Umberto dall’ 11 al 30 aprile 2023 la versione teatrale italiana dell’opera,  unica al mondo autorizzata dall’autore a cura del regista Giancarlo Nicoletti. Interpretata da due attori straordinari Giorgio Colangeli e Mariano Rigillo.

Preceduto da un successo meritatissimo testimoniato dal conseguimento di due importanti riconoscimenti come il Premio Nazionale Franco Enriquez 2023 per la miglior regia e il  Premio Mulino Fenicio 2022 per la miglior scenografia, arriva I due Papi alla Sala Umberto.

Il testo  mescola con sapienza realtà e libere interpretazioni autoriali. Al centro dell’opera l’incontro, non si sa se realmente avvenuto oppure no, certamente plausibile, tra Papa Benedetto XVI e l’allora Cardinale Bergoglio, poco prima delle storiche dimissioni del primo.  I due si scambiano opinioni principalmente su temi religiosi, sulla vocazione, sulla crisi della Chiesa. Parlano di tutto  e anche delle reciproche passioni molto terrene come la musica, il calcio. Sono i volti di una stessa fede. Da una parte il dogma, l’intransigenza dall’altra il cambiamento e la conciliazione. Con acume il regista Nicoletti riassume il senso dello spettacolo

I due Papi parla, anzitutto, di due uomini e, allo stesso tempo, parla di tutti gli uomini. Parla del potere, di come a volte sia difficile, se non impossibile, per un solo uomo il fardello delle responsabilità e ci pone l’interrogativo di quanto, veramente, sia giusto o meno perseverare o se non valga la pena, a volte, scendere dalla propria croce. Parla del rapporto tra l’uomo e Dio, dell’etica, delle aporie e degli interrogativi di ogni giorno della contemporaneità che corre, lasciandoci il dubbio se sia giusto sposare i tempi o ammettere l’esistenza di un che di immutabile ed eterno. Parla dell’essere umano, di quanto possiamo essere grandi e piccoli al tempo stesso, di come il dubbio e la difficoltà del vivere siano uguali a ogni latitudine e in qualsiasi posizione sociale.

Un testo avvincente che poggia sulle spalle di due  grandissimi attori Giorgio Colangeli e Mariano Rigillo nel ruolo dei due Papi del titolo.

I due Papi

di Anthony McCarten

Traduzione Edoardo Erba

Giorgio Colangeli e Mariano Rigillo

Regia Giancarlo Nicoletti

con la partecipazione di Anna Teresa Rossini

e con Ira Fronten e Alessandro Giova

Scene Alessandro Chiti

Costumi Vincenzo Napolitano – Alessandra Menè

Disegno luci e fonico David Barittoni

Sala umberto

Via della Mercede, 50, 00187 Roma

Anna Maria Di Francesco

Leave a Reply

Your email address will not be published.