Calciomercato Roma: De Rossi e Ghisolfi hanno le idee chiare

Calciomercato Roma: De Rossi e Ghisolfi hanno le idee chiare

ITALIA – Il calciomercato è ufficialmente aperto dal 1 luglio eppure sembra passata un’eternità dalla fine della stagione. La Roma, come sempre fatto sotto la gestione Friedkin, agisce in silenzio. Sono arrivati Sangaré e Le Fee, i primi due colpi della coppia De Rossi – Ghisolfi. I due hanno le idee chiare ma i tifosi faticano ad avere pazienza. 

De Rossi e Ghisolfi hanno iniziato a lavorare insieme portando a termine i primi due acquisti di questo calciomercato: Buba Sangaré e Enzo Le Fee. Profili scelti in condivisione tra DDR e il marsigliese. Le strategie di mercato, dunque di costruzione della nuova Roma, sono ben chiare ad entrambi. I giallorossi devono praticamente rifondare la rosa con innesti dai valori umani e calcistici che siano in linea con le idee dell’allenatore. I Friedkin hanno individuato in Ghisolfi l’uomo giusto anche per il suo particolare feeling con i giovani allenatori. Come con Farioli al Nizza, il francese sta lavorando in totale sinergia con De Rossi proponendogli un’infinità di profili nei più diversi ruoli.

Le Fee, ad esempio, è un pupillo di Ghisolfi coltivato e coccolato nel corso della sua esperienza al Lorient. Sul centrocampista francese, arrivato dal Rennes per 23 milioni di euro, il responsabile dell’area tecnica della Roma, non si è impuntato come il suo precedessore Tiago Pinto fece con Renato Sanches, lo ha semplicemente proposto a De Rossi che, dopo averlo studiato attentamente, ne è rimasto stregato.

calciomercato roma
Ghisolfi, foto presa dal profilo Instagram della Roma

Calciomercato Roma: c’è tanto da fare

Dalla Roma filtra totale fiducia e serenità circa il calciomercato. Negli anni passati c’erano da fare i conti con la morsa stringente della UEFA ma ad oggi la situazione è in netto miglioramento. Anzi, i giallorossi hanno fatto capire che investimenti sui cartellini di giocatori giovani e futuribili, saranno parte integrante delle strategie societarie (Le Fee primo esempio concreto). I Friedkin hanno dato carta bianca al tandem Ghisolfi – De Rossi ben consapevoli dell’ingente mole di lavoro da svolgere in tempi piuttosto stretti.

Al netto dei due nuovi arrivi, le necessità delineate dalla Roma sono ancora tante: un secondo portiere; un giovane difensore centrale; un terzino destro titolare; un terzino sinistro che possa supportare Angelino; un centrocampista box to box, possibilmente da doppia cifra; un’ala veloce e possibilmente esplosiva in grado di saltare l’uomo, creare scompiglio e occasioni da gol; una punta con curriculum di un bomber.

Enzo Le Fee, foto presa dal suo profilo Instagram

I nomi realmente seguiti: le retrovie

Partendo dalla porta, al momento, il nome più caldo come vice Svilar è quello di Esteban Andrada del Monterrey. L’estremo difensore argentino ha 33 anni ed ha giocato con De Rossi al Boca Juniors. Il mister sarebbe in contatto diretto con il ragazzo e lo riterrebbe il profilo giusto per il post Rui Patricio. Per il medesimo ruolo è stato proposto Gollini dell’Atalanta ma la Roma, per ora, non avrebbe mostrato grande entusiasmo in merito. Con Mancini e Ndicka assoluti baluardi, la difesa, dopo la non conferma di Llorente e in attesa di offerte per  Smalling e Kumbulla, non sembra una priorità. Da tenere d’occhio, anche se non una pista fresca, il nome di Solet del Salisburgo con cui i giallorossi hanno avuto importanti contatti nello scorso calciomercato invernale. Per quanto concerne i terzini la Roma ha tanto da fare. Salutato Spinazzola, riscattato Angelino e acquistato il giovanissimo Sangaré, il futuro di Celik, nonostante le ricorrenti avances del Galatasaray, potrebbe essere ancora nella città eterna.

calciomercato roma
Antonino Gallo, foto presa dal suo profilo Instagram

Karsdorp finalmente è finito fuori squadra, al momento dalle parti di Trigoria non è arrivata nessuna offerta e il suo entourage spinge per liberare l’olandese a parametro zero. Di nomi se ne fanno tanti ma il vero obiettivo di De Rossi per il ruolo di terzino destro è Raoul Bellanova del Torino che, vista la partenza di Buongiorno direzione Napoli, difficilmente si priverà di un altro gioiello. Ecco allora che la pista che porta a Tiago Santos del Lille potrebbe scaldarsi, tenendo conto, però, dell’agguerrita concorrenza che imperversa attorno al giovane portoghese. Per il terzino sinistro, invece, la Roma avrebbe trovato l’accordo con Gallo del Lecce che però non lascerà partire uno dei suoi migliori uomini tanto a cuor leggero. Il DS Corvino, particolarmente affascinato da alcuni giovani calciatori in via di sviluppo a Trigoria, valuta il proprio terzino circa 10 milioni, cifra ritenuta eccessiva dalla Roma che per ora ha messo in stand by la trattativa.

Centrocampo e attacco

Il centrocampo per De Rossi, esperto del ruolo, è fondamentale. La new entry Le Fee si aggiunge ad un reparto dove Pellegrini e Paredes saranno ancora giocatori chiave, salvo offerte faraoniche dall’Arabia (al momento non pervenute) che potrebbero tentare l’argentino. Cristante, invece, sarebbe stato avvisato di non essere più un titolare inamovibile della Roma, ciò non significa che il giocatore è sul mercato, rappresenta comunque una risorsa importante per la squadra. Bove non è in vendita ma in caso di offerte irrinunciabili potrebbe partire mentre Aouar è stato messo alla porta. Pagano sembra destinato al prestito così come Darboe mentre Pisilli, nonostante le offerte, potrebbe rimanere nella Capitale su specifica richiesta di DDR. All’appello manca il centrocampista box to box da doppia cifra, un identikit che risponde al nome di Gabriel Sara del Norwich City. Il brasiliano, 53 presenze, 14 gol e 13 assist, aldilà delle smentite, piace tanto alla Roma che però non ha avanzato ancora offerte al club inglese.

In avanti Dybala, salvo clamorosi colpi di scena, resterà all’ombra del Colosseo con l’intrigante idea di De Rossi di farlo giocare anche come falso 9 che continua ad aleggiare dalle parti di Trigoria. El Shaarawy e Baldanzi continueranno a far parte delle rotazioni mentre Shomurodov, Solbakken e Zalewski sono in uscita ma, per il momento, non sono arrivate offerte sulla scrivania di Ghisolfi. I giovani Joao Costa e Cherubini potrebbero trovare spazio partendo in prestito anche se non è esclusa una permanenza del brasiliano. Dulcis in fundo Tammy Abraham. L’inglese ha raccolto apprezzamenti dalla Premier League ma ancora nulla di concreto, la Roma vorrebbe monetizzare dalla sua partenza per finanziare parte del mercato.

Sorloth, foto presa dal suo profilo Instagram

Calciomercato Roma: Sorloth e Chiesa sono i profili giusti?

Per l’attacco Sorloth del Villarreal è un nome seguito dai giallorossi che sarebbero in trattativa con l’entourage del giocatore per trovare un accordo. La squadra spagnola, però, chiede il pagamento della clausola rescissoria di 38 milioni di euro. La Roma avrebbe chiesto uno sconto facendo chiaramente capire di non essere disposta a spendere cifre simili per un calciatore di quasi 29 anni. Un altro giocatore proposto da Ghisolfi e approvato da De Rossi è Mikautadze del Metz. Il georgiano, reduce da un grande Europeo, sarebbe però molto vicino al Monaco che ha trovato l’accordo con il giocatore ed è in trattativa con il club francese. Anche Jonathan David, in scadenza con il Lille nel 2025, resta un profilo monitorato. Ci sono stati contatti con l’entourage dell’attaccante canadese prima della Copa America con la richiesta di stipendio di 5/6 milioni di euro ritenuta, per ora, eccessiva. Non sono esclusi nuovi colloqui.

Il sogno di mezz’estate della Lupa ha un nome e cognome: Federico Chiesa. De Rossi sarebbe in contatto con il figlio d’arte da aprile cercando di trasmettergli la propria passione per il giallorosso e facendogli comprendere la centralità assoluta che avrebbe nel progetto tecnico romanista. La Roma è in trattativa avanzata con la Juventus, le due squadre sembrerebbero vicine a raggiungere un accordo attorno ai 20 milioni più bonus. La proposta all’entourage del giocatore invece, dovrebbe aggirarsi attorno ai 5.5 milioni di euro più bonus per tre anni di contratto.

calciomercato roma
Federico Chiesa, foto presa dal suo profilo Instagram

Chiesa avrebbe voluto rinnovare con la Vecchia Signora e riportarla in alto giocando la Champions League che si è conquistato sul campo ma a Torino hanno avuto idee diverse. Il pallino dell’ala azzurra di giocare la Champions rimane ma, ad oggi, l’unica offerta concreta arrivata a squadra e giocatore sarebbe quella della Roma. Il giocatore riflette, la Juventus ha fretta di vendere per proseguire il proprio calciomercato stellare e la Lupa non aspetterà all’infinito.

Stefano Gentili

Leave a Reply

Your email address will not be published.