World Press Photo 2017, quando la fotografia è dramma ed emozione

World Press Photo 2017, quando la fotografia è dramma ed emozione

ROMA – Quali sono le migliori fotografie dell’anno? Se volete conoscere la risposta, non potete perdervi World Press Photo 2017, la mostra di Palazzo delle Esposizioni che racchiude al suo interno i più potenti scatti dell’anno solare. Noi di MyWhere siamo stati all’anteprima, e vogliamo raccontarvi le nostre sensazioni.

A volte le immagini hanno la capacità di raggiungere livelli altissimi e immediati di comunicazione, a tal punto da trascendere ogni tipo di differenza culturale o linguistica. Se siete appassionati di fotografie, e siete a Roma in questo periodo, vi segnaliamo una rassegna imperdibile. Fino al 28 maggio, va in scena a Palazzo delle Esposizioni la mostra World Press Photo 2017, che racchiude al suo interno, le migliori fotografie dell’anno.

Il Premio World Press Photo è uno dei più importanti riconoscimenti nell’ambito del fotogiornalismo. Ogni anno, da più di 60 anni, una giuria indipendente, formata da esperti internazionali, è chiamata ad esprimersi su migliaia di domande di partecipazione inviate alla Fondazione World Press Photo di Amsterdam da fotogiornalisti provenienti da tutto il mondo.

Pensate che per l’edizione 2017, le immagini sottoposte alla giuria del concorso World Press Photo sono state addirittura 80,408, inviate da 5,034 fotografi di 125 nazionalità. La giuria, che ha suddiviso i lavori in otto categorie, ha premiato 45 fotografi provenienti da 25 paesi: Australia, Brasile, Canada, Cile, Cina, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, India, Iran, Italia, Pakistan, Filippine, Romania, Russia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Siria, Nuova Zelanda, Turchia, UK, USA. Insomma, una vera Coppa del Mondo di Foto!

E che foto! Appena entrati all’interno del percorso espositivo non potrete far altro che accorgervi di quanto potenti siano queste fantastiche immagini. C’è di tutto, dalle foto in bianco e nero a quelle a colori, dalle foto sportive, agli scatti di guerra, dalle immagini di animali in estinzione ai ritratti di bambini. La galleria poi, non è soltanto una miscela di immagini sensazionali, ma rappresenta un vero e proprio documento storico in grado di far rivivere gli eventi cruciali del nostro tempo.

E come ogni premio che si rispetti non può mancare il vincitore.

La foto dell’anno s’intitola An Assassination in Turkey e porta la firma di Burhan Ozbilici (The Associated Press). L’immagine mostra, in tutta la sua brutalità, l’uccisione dell’ambasciatore russo in Turchia, Andrei Karlov, da parte del poliziotto turco ventiduenne Mevlut Mert Altintas durante l’inaugurazione di una mostra d’arte. Atlintas ha ferito altri tre uomini prima di essere ucciso dai poliziotti in una sparatoria.

Mary F. Calvert, membro della giuria, ha così commentato la fotografia vincitrice: “E’ stata una decisione molto difficile, ma alla fine abbiamo ritenuto che la foto dell’anno doveva essere un’immagine esplosiva che parla dell’odio dei nostri tempi. Ogni volta che quella immagine appariva sullo schermo dovevamo fermarci, era talmente forte che abbiamo davvero sentito che poteva incarnare la definizione di ciò che il World Press Photo of the Year rappresenta”.

Impossibile darle torto. La foto di Ozbilici è davvero la più incredibile e drammatica di tutte. Un’immagine che resterà nella storia, un’immagine da guardare e riguardare con sgomento certo, ma anche con ammirazione per il grande coraggio dimostrato dal fotografo turco. “Ci ho messo qualche secondo per realizzare cosa fosse successo: un uomo è morto qui, di fronte a me; una vita è scomparsa di fronte ai miei occhi”.

E ora vi lasciamo con la gallery di World Press Photo 2017 e qualche informazione utile.

INFO

World Press Photo 2017 – Palazzo delle Esposizioni, Via Nazionale 194

Periodo mostra: dal 28 aprile al 28 maggio

Promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale è ideata da World Press Photo Foundation di Amsterdam e organizzata da Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con 10b Photography

Sito Ufficiale

 

world press phojto

Redazione

In molte redazioni online, spesso, non si conoscono i veri autori degli articoli. MyWhere vuole presentare i suoi collaboratori e far sì che la bellezza della scrittura non racconti solo di viaggi o tecnologia ma anche di quella “mano invisibile” che rende la comunicazione così efficace. Vai alla pagina Redazione per conoscerci.
Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.