Ci ha lasciato “Lady Zara”

Ci ha lasciato “Lady Zara”

Il 16 Agosto si è spenta la donna più ricca di Spagna, Rosalia Mera, co-fondatrice di Inditex (Zara). E’ una notizia che mi ha colpito molto, non solo perché ogni volta che si apprende della scomparsa prematura di una persona ci addoloriamo, ma anche perché questa donna faceva parte dell’immaginario femminile imprenditoriale d’esempio. Rosalia Mera Goynechea, più conosciuta come ‘Lady Zara’, era stata co-fondatrice dell’impero tessile spagnolo Inditex assieme all’ex marito Amancio Ortega. Era stata colpita, mentre terminava le vacanze a Minorca, da un’emorragia cerebrale alla quale purtroppo non è sopravvissuta.
Immagino che imprenditori come lei non siano molto abituati a rilassarsi ed andare in vacanza, e fa ancora più strano apprendere che sia stata trasferita d’urgenza dalle isole Baleari dopo aver subito un arresto cardiocircolatorio e come complicazione di un’emorragia cerebrale.
Rosalia MeraLa fortuna di Rosalia Mera è stimata in circa 4,7 miliardi di euro. Aveva 69 anni ed era l’unica spagnola presente nella classifica 2013 dei “paperoni” della rivista Forbes, al 195esimo posto tra le persone più ricche al mondo e al 66esimo tra le donne più potenti. La sua carriera era iniziata giovanissima come sarta a 11 anni e poi come disegnatrice di moda. In seguito, collaborando nella piccola impresa familiare fondata con l’ex marito, ha dato il via a quell’impresa che in vent’anni sarebbe diventato il principale impero tessile europeo, del quale attualmente la Mera controllava il 6,99% del capitale. Deteneva anche il 5% nel gruppo farmaceutico galiziano Zeltia, oltre a partecipazioni in produzioni cinematografiche e televisive e attività immobiliari.
Sicuramente una vita di successi e gioie, ma anche il dramma del secondogenito Marcos, nato con una paralisi cerebrale, che l’ha portata ad impegnarsi a favore dei bambini diversamente abili creando la Fondacion Paideia.
La gestione del patrimonio, dovrebbe passare nelle mani della figlia Sandra, psicologa e sua principale consigliere, nata dal matrimonio con Ortega, dal quale Rosalia Mera si separò nel 1986. Intraprendente donna d’affari, riservata, filantropa e socialmente impegnata, Rosalia Mera viene ricordata come una multimilionaria atipica, che non aveva cambiato stile di vita ne’ abitudini nonostante la sua immensa ricchezza. Si recava al lavoro in autobus e frequentava con piacere le “tabernas’ del centro storico de La Coruna.
Una donna indipendente che non amava adagiarsi nel lusso ma aveva dedicato la sua attività a moltiplicare la sua fortuna, differenziando investimenti nei più vari settori e a canalizzare la sua energia in iniziative solidali sociali.
Il sindaco de La Coruna, Carlos Negreira l’ha ricordata così: “Al di là del suo impressionante percorso imprenditoriale, la ricorderemo sempre per lo straordinario lavoro fatto in campo sociale”.

Fabiola Cinque

Napoletana fino alla milionesima generazione (dal 1.400), nobile d’animo ma non più per albero genealogico, viaggiatrice e curiosa delle bellezze e delle stranezze del mondo riporto tutte le mie impressioni attraverso tutti i sensi che abbiamo e che vogliamo usare. Di estrazione e definizione “fondista”. Azzurra di nuoto per tutte le distanze più lunghe e massacranti che vi possono venire in mente. La fatica è il mio karma. Mai nulla regalato, tutto conquistato. La comunicazione e la pubblicità sono la mia anima, la moda la mia vita presente e futura. Vivo in un paese bellissimo dal quale desidero sempre di allontanarmi, per tornare e riassaporare i profumi ed i sapori. La mentalità e l’amore sono anglosassoni, ma d’altronde si sa, i Borboni sono stati dominati dai francesi come gli inglesi e gli spagnoli, quindi le mie origini ed il mio essere è globale, sono bastarda dentro.
Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.