Continua la lista di desideri per una bellezza naturale: i filler viso meno invasivi

Continua la lista di desideri per una bellezza naturale: i filler viso meno invasivi

ITALIA – Ricordate che vi avevo parlato della mia lista di desideri? Mi ero chiesta come facessero tante colleghe, così come le donne dello spettacolo, a restare giovani e belle senza bisturi. Ho verificato che è possibile intervenire grazie ai filler viso, piccoli e invisibili ritocchi da fare nelle diverse parti del viso senza per questo “cambiare connotati”.

In realtà me l’ha fatto notare un mio amico l’ultima volta che siamo andati ad un evento insieme. A quest’evento c’erano sia chirurghi plastici che professionisti della medicina estetica. Ho quindi approfittato per chiedere consigli.

Ho voluto approfondire nuovamente le differenze tra la chirurgia estetica e la medicina estetica. Quest’ultima dà la possibilità di intervenire localmente per piccoli ritocchi e non necessita di un ricovero e relativa anestesia. Al contrario la chirurgia estetica, che è più associabile alla chirurgia plastica.

La medicina estetica infatti, prevede trattamenti poco invasivi come ad esempio i filler viso, che al momento rientrano in pole position nella mia lista di desideri. Mi hanno spiegato infatti che i filler viso sono dei pratici e semplici trattamenti estetici utilizzati per contrastare i segni dell’invecchiamento cutaneo della pelle del viso. Sempre in questa serata, dove ho incontrato vari medici, ero in compagnia di una mia amica che ha segni evidenti di un’acne giovanile nonostante sia oramai una donna sulla quarantina. Il problema è che l’acne, ad esempio, rientra tra le patologie della pelle e quindi necessita di diversi trattamenti a seconda dell’entità provocata.

Ma da questo medico del gruppo Tuame ci sono state illustrate le variabili sulle quali si può intervenire grazie alla medicina estetica che può risolvere anche a danni provocati da conseguenze di traumi. Ovviamente dipende dall’entità del problema. Infatti, per quanto riguarda anche le patologie sulla pelle, se non può esser sufficiente la medicina estetica, si può ricorrere alla chirurgia estetica. Insomma i filler viso, oltre eventuali patologie della pelle, sono indispensabili per correggere difetti estetici o tratti non graditi agendo come “riempitivi” in zone come mento, occhi, zigomi e labbra.

E guardando queste bellissime donne presenti all’evento mi sono chiesta se ne avessero fatto uso. La loro perfezione, assolutamente naturale, lo fa presumere.

Filler Viso MyWhere
Claudia Galanti truccata da Claudio Noto. Foto di Marco Serri

L’occasione di poter dialogare con uno specialista mi ha reso ancor più curiosa. Ovviamente sarebbe meglio prendere un appuntamento per un consulto specialistico ma la serata mi è sembrata l’occasione mogliore per rompere il ghiaccio. Poi ho la scusante della “deformazione professionale” quindi hanno risposto volentieri ai miei numerosi interrogativi senza per questo ritenermi inopportuna.

Ecco un’altra domanda sorta spontanea: quali sono gli effetti secondari? Mi è stato risposto che, non ci sono quasi mai reazioni dannose o altre conseguenze, l’importante è sempre rivolgersi ad un esperto di medicina estetica che effettuerà tutti i dovuti controlli. Poi attualmente, soprattutto con i filler viso di ultima generazione, esistono le tecniche più efficaci nella lotta all’ invecchiamento cutaneo per ottenere un’azione volumizzante e rimpolpante dell’epidermide. Bisogna sapere inoltre che questi piccoli interventi correttivi sono privi di effetti secondari e in grado di offrire dei risultati naturali ed ottimali.

Ma i filler viso rientrano tra i trattamenti di medicina estetica?

Ci sono molteplici tipologie che differenziano i vari trattamenti di filler viso. Ne esistono di diversa natura. Partendo dal concetto di base diremo che i filler viso sono principalmente un’iniezione sottocutanea di sostanze riempitive che si pratica al fine di correggere rughe, cicatrici da acne, difetti estetici e segni dell’aging.

Ma tutte le dive hollywoodiane ricorrevano già diversi decenni fa alla medicina estetica. A quando risale lo studio e lo sviluppo di questa disciplina?

La nascita della medicina estetica risale agli anni ’60 e nel corso del tempo si è consolidata e perfezionata. L’evoluzione di questa branca della medicina estetica, inoltre, si è affermata sempre più passando da trattamento per pochi a rimedio medico per tutti, entrando a pieno titolo tra le discipline mediche e come indispensabile soluzione per l’equilibrio psicofisico dei pazienti.

Ma per i filler viso si usano le stesse sostanze che si usavano negli anni ’60?

No, nel tempo si è andato a sostituire l’olio di silicone, (che invece ora è ritenuto dannoso per la salute ed oggi vietato in Italia e nel mondo occidentale!) con sostanze naturali quali il collagene o l’acido ialuronico.

Ma si può iniettare anche sui bordi delle labbra?

Certo! Il filler alle labbra di acido ialuronico può migliorare l’aspetto anche della forma, della struttura e del volume delle labbra. Guardate ad esempio la foto di Marco Serri che abbiamo pubblicato in homepage! A questo proposito, dato che per almeno un paio di giorni dopo aver effettuato il Il filler alle labbra è vietato usare trucchi di ogni genere, e si può verificare un pò di rigonfiamento, perché non approfittare ora che abbiamo sempre la bocca coperta dalla mascherina? Così potremo mostrare le nostre labbra nuove quando anche l’emergenza Covid ce lo consentirà, senza aver dovuto mostrarsi durante i passaggi intermedi!

Filler Viso Mywhere medicina estetica
Una bellezza anni ’80 con la bocca a cuore. Foto di Marco Serri

Quindi sono queste due le sostanze più usate nei filler viso?

No, in realtà in passato la sostanza maggiormente impiegata per i filler era il collagene, che, come abbiamo detto, andò a sostituire l’olio di silicone. Oggi invece si predilige l’acido ialuronico sebbene la gamma di sostanze utilizzate siano numerose, sia naturali che sintetiche. La continua ricerca propone sostanze diverse e adattabili alle zone da trattare per garantire un risultato migliore e dall’effetto naturale. La principale differenza tra i vari prodotti utilizzati come filler è riscontrabile nella natura biologica o sintetica della sostanza stessa e che conferiscono un risultato temporaneo o permanente all’intervento estetico.

Dopo questa bella chiacchierata la mia lista di desideri è stata confermata. Voglio restare giovane e bella senza bisturi. Credo che approfitterò, non solo di questa lunga pausa delle festività ma soprattutto anche del lockdown parziale che stiamo vivendo. Vorrò svelare un nuovo look curato e migliorato, (e non distorto!) proprio come risveglio da un lungo letargo quale mi sento ora di crogiolarmi!

Fabiola Cinque
Latest posts by Fabiola Cinque (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published.