Moon Boot, dalla Luna al Pitti in mostra il Dark Side del brand

Moon Boot, dalla Luna al Pitti in mostra il Dark Side del brand

FIRENZE – Al Pitti Uomo 97, non potevo perdermi la presentazione della nuova collezione FW20-21 firmata Moon Boot, un marchio che continua a stupire il mondo della moda introducendo nuove forme e nuove fantasie. Dark Side è un viaggio psichedelico e onirico nelle atmosfere della metropoli, il tutto, ovviamente, condito da uno stile unico e da una creatività artigianale esperta ma sempre pronta all’innovazione. Così il brand festeggia gli 80 anni dell’ideatore Giancarlo Zanatta con l’uscita nelle librerie della sua autobiografia .

Non serve avere la mia età per conoscere il brand Moon Boot. Certo, per molte generazioni ha rappresentato un must have, ma non ha perso smalto tutt’oggi che si propone a PITTI 97 con la nuova grinta del maculato. Ma quello che affascina di più è la storia del brand che, nello scorso anno, ha festeggiato il cinquantenario (1969-2019). Propone anche fantasie animali ma non “cambia pelle”. Rimane fedele a sé stesso pur rinnovandosi e proponendo un mix di tigrato – leopardato nel giraffa print che lancia una tendenza più selvaggia ma pur sempre ironica come queste calzature sanno essere. Infatti indovinate quale ho scelto?


Moon Boot PITTI97 Foto MyWhere
Quale potevo scegliere secondo voi se non questo? Al Pitti97 ero vestita anche coordinata (senza saperlo) animalier…

Le parole chiave che hanno contraddistinto da sempre il marchio? Ne scelgo 3: creatività, unicità e artigianalità, 3 comuni denominatori mai trascurati da Moon Boot, e che non potevano non rinnovarsi nella nuova collezione FW 20-21. Dark Side – icona pregnante della collezione insieme a Moon Boot Mars – ci invita a intraprendere un viaggio ideale nelle atmosfere della metropoli, il tutto, ovviamente, condito da uno stile unico e da una creatività artigianale esperta ma sempre pronta all’innovazione.

Dark Side, in versione low e hi, oltre a riscaldare le nostre passeggiate invernali in città, ci porta in un’altra dimensione, un po’ come il celebre album dei Pink Floyd – The Dark Side of the Moon (e le associazioni si sprecano) dove il gruppo capitanato da Roger Waters paragona l’individuo al corpo celeste in un planetario, in apparente armonia con i propri simili, ma in realtà costretto a complessi equilibri. Un sogno psichedelico, un po’ quello che vuole raccontarci Moon Boot con Dark Side.

PITTI97 Moon Boot Foto MYWHERE
I Moon Boot DARK SIDE ANIMAL, GIRAFFE PRINT esposti allo stand di PITTI97. Foto MyWhere

MOON BOOT A PITTI UOMO 97: OLTRE 50 ANNI DI STORIA, MA LA LUNA, SI SA, NON INVECCHIA MAI

Il segreto della collezione è il suo punto di partenza: la visione di Giancarlo Zanatta, fondatore del brand, di rendere unico ogni paio di Moon Boot grazie all’inconfondibile qualità e artigianalità italiana. Moon Boot è un viaggio che parte dalle iconiche cime alpine per arrivare all’atmosfera delle città, portando il suo stile unico, la passione per i dettagli e l’energia creativa che lo caratterizza. Ogni modello è una vera gemma che è stata prodotta e rifinita a mano per sottolineare ulteriormente l’esperta artigianalità del brand.

I modelli classici per la collezione FW20/21 si colorano di nuove tonalità e si impreziosiscono di nuove fantasie e materiali, come pelliccia di lana, ciniglia e shearling, avvicinandosi ancora di più al mondo fashion. Il Moon Boot Mars porta in una nuova dimensione, dando vita ad un’icona senza tempo insieme al nuovo modello Dark Side, in versione alta e bassa, per riscaldare le passeggiate invernali in città. Il risultato di questo viaggio è pronto per essere visto, toccato e indossato.

LA STORIA DI MOON BOOT SOTTO IL SEGNO DI GIANCARLO ZANATTA

Moon Boot DARK SIDE al Pitti97
Moon Boot DARK SIDE SHEARLING WISKY OFF WHIT, al Pitti97

Più di mezzo secolo di storia e ancora tanto da raccontare e da offrire al mondo della moda. La figura chiave dell’iconico marchio di doposci è stata, è e sarà sempre Giancarlo Zanatta (80 anni quest’anno) che ha raccontato la sua storia in un libro. “Non sono uno scrittore, faccio scarpe” precisa. Eppure la sua è una storia che merita di essere raccontata, perché non è solo la storia di un uomo, ma di un mondo intero che stava cambiando, di una piccola impresa artigiana che è cresciuta in un’industria colossale, di una società che ha scoperto lo sci e l’ha trasformata in un hobby per le masse.  Ispirare i consumatori ad una vita attiva, all’aperto: questa è la missione che Zanatta e il suo Tecnica Group continua a perseguire sin dalla sua fondazione.

Moon Boot PITTI97
I Moon Boot in Shearling esposti al PITTI97. Foto MyWhere

Tecnica Group è leader nella produzione di abbigliamento sportivo nel mercato delle calzature e delle attrezzature per gli sport invernali e possiede alcuni marchi storici e noti: Tecnica (scarponi da sci e calzature), Nordica (sci e scarponi), Moon Boot® (calzature), Lowa (scarponcini da trekking e abbigliamento da esterno), Blizzard (sci) e Rollerblade® (pattini in linea).

Moon Boot PITTI97 4
I Moon Boot argentei sotto il chiarore della una piena al PITTI97

DIARIO DEL FARE”, L’AUTOBIOGRAFIA DI GIANCARLO ZANATTA

Giancarlo Zanatta ha deciso di chiamare la sua autobiografia “Diario del fare”, ma il segreto del suo successo non risiede nella sua capacità di produrre, ma nella sua capacità di creare, di immaginare cose che non sono state nemmeno inventate, per trovare gli strumenti e le soluzioni “giuste”.  

“Immagina cose che non sono nemmeno state inventate”. Zanatta

E pensare che tutto nacque il giorno dello sbarco sulla Luna. Fu quell’evento a far balenare in testa a Zanatta un’idea che avrebbe portato alla rivoluzione messa in atto da Moon Boot, una delle icone più significative del XX secolo, con oltre 25 milioni di paia di stivali venduti.

Moon Boot PITTI97 6

La forma unica di questo scarpone da sci ha superato i confini delle montagne, raggiungendo i centri cittadini, le passerelle della moda e i musei di arte moderna. Nel 2016, il tribunale di Milano ha dichiarato che Moon Boot è un “lavoro creativo con valore artistico”, quindi legalmente protetto sia nella forma che nel nomeMa, il traguardo ancora più ambito per il leggendario Moon Boot, è stato raggiunto a Febbraio 2018 quando è entrato ufficialmente a far parte della galleria permanente del MOMA Museum of Modern Art di New York.

INFO

 

Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.