Leggere nel nome della Rosa

Leggere nel nome della Rosa

ITALIA – Maggio da sempre è considerato il mese simbolo della rosa, della fioritura, dell’amore che sboccia, della rinascita. Mai come in questo periodo abbiamo bisogno di rifiorire e di aprirci nuovamente alla vita. Nell’attesa di poter riacquistare la libertà fin nei piccoli gesti quotidiani, ci siamo divertiti a rintracciare la parola Rosa nei titoli dei nostri amati libri. Avete voglia di giocare con noi e leggere nel nome della Rosa? Potreste trovare titoli mai letti o suggerircene altri cui non abbiamo pensato.

Iniziamo, stravolgendo la nostra ricerca, ma volendo dare spazio a un gradito ritorno in libreria. Oggi 21 maggio, esce il nuovo libro di Paola Cereda, finalista al Premio Strega 2019 con Quella metà di noi, dove nella copertina campeggia una rosa rossa. Le tre notti dell’abbondanza è il titolo del suo nuovo romanzo, edito da Giulio Perrone Editore. Una storia ambientata a Fosco, un paese arroccato su uno scoglio a picco sul mare in Calabria. Una terra aspra dove il tempo scorre lento, dove tutti corrispondono ai propri ruoli e ai propri cognomi e, fin dalla nascita, hanno il loro posto nel mondo. Qui le regole sono dettate dalla malavita locale. Sono legge per coloro che lì nascono. Per tutti, ma non per Irene.

Iniziamo con il nostro leggere nel nome della Rosa, con un titolo scontato, ma che non possiamo non citare per primo: Il nome della rosa di Umberto Eco. Pubblicato per la prima volta nel 1980 da Bompiani è per l’autore il primo romanzo, dopo numerosi saggi. Ottiene un successo enorme ricevendo premi e riconoscimenti, tra cui il Premio Strega nel 1981. Tralasciando la trama, che il giallo con protagonisti dei monaci medievali è oltremodo conosciuto, vediamo come l’autore è giunto a scegliere proprio questo titolo.

Leggere nel nome della Rosa

Originariamente Umberto Eco aveva valutato di intitolare l’opera “Adso da Melck”, come il suo protagonista. Ma considerando che nella letteratura italiana pochi libri, che hanno per titolo il nome del protagonista hanno successo, Umberto Eco ripiegò per Il nome della rosa. Concluse il suo romanzo con una postilla, inserita prima di andare in stampa “Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus“. Il verso, che in italiano significa pressappoco “la rosa primigenia esiste solo nel nome, possediamo soltanto nudi nomi”, ha dato origine al titolo dell’opera.

Leggere nel nome della Rosa

Fu poi l’autore stesso a chiarire il significato della citazione in un’intervista a Repubblica. A quanti sottolineavano il presunto legame con alcuni versi di William Shakespeare spiegò che il titolo era dovuto a quella citazione che significava che le cose non esistono più e rimangono solo le parole. Shakespeare dice esattamente l’opposto: le parole non contano niente, la rosa sarebbe una rosa con qualunque nome.

Sapevate che Umberto Eco ha cambiato il verso inserito nel “De contemptu mundi” di Bernardo Cluniacense, monaco benedettino del XII secolo? Il verso originale, infatti, recitava “stat Roma pristina nomine, nomina nuda tenemus“, che in italiano significa: “Roma antica esiste solo nel nome, possediamo soltanto nudi nomi”. Umberto Eco ha sostituito Roma con Rosa e da qui ecco il titolo della famosa opera.

Leggere nel nome della Rosa

Proseguendo nel nostro gioco di Leggere nel nome della Rosa, come non citare due famosi titoli in cui il nome del fiore di maggio è l’assoluto protagonista?

La rosa bianca di Inge Scholl, pubblicato da Itaca (Castel Bolognese) nel 2006 e La rosa di Robert Walser, Piccola Biblioteca Adelphi, 1992 (Traduzione di Anna Bianco).

Leggere nel nome della Rosa

Il titolo La rosa bianca deriva dal nome dell’organizzazione giovanile, attiva in Germania fino al 1943 e operante contro il governo hitleriano. La storia è raccontata da Inge, sorella di Hans e Sophie Scholl, fondatori del movimento di opposizione e giustiziati il 22 febbraio 1943. Sono ripercorse le loro vite e il loro desiderio di proteggere il loro diritto a una vita libera. Inge racconta il turbamento del fratello Hans: erano state proibite le canzoni popolari che fino a qualche giorno prima cantava; era stato maltrattato un giovane maestro che non condivideva il sistema hitleriano. Avvenimenti che segnano il suo cammino, portando Hans a coltivare un proprio ideale, che poi diventerà il suo motivo di vita. Arriverà a distribuire volantini recanti il titolo “I volantini della rosa bianca”. Saranno sparsi all’Università dove si incita all’opposizione al governo hitleriano. Nonostante la rischiosità di questi gesti e nonostante la possibilità di salvarsi, i fratelli Scholl preferiranno compiere l’ultima azione di volantinaggio e morire. Le testimonianze raccolte e riportate nel libro evidenziano l’estrema forza e, al contempo, la forte serenità con cui i due fratelli vanno incontro alla morte.

Leggere nel nome della Rosa

La rosa di Robert Walser è l’ultima pubblicazione del poeta e scrittore svizzero prima di vivere un lungo periodo in una clinica per malattie mentali. Contiene una delle frasi più conosciute dell’autore: “Nessuno ha il diritto di comportarsi con me come se mi conoscesse”. Una sfida a ricercare il vero Walser mantenendo al contempo un opportuno distacco. La rosa è una raccolta di ritratti, descritti in modo sarcastico e comico insieme, disordinati e e soggetti a un’interpretazione tutt’altro che univoca. Walser lo definisce come il “migliore dei suoi libri” e lo consiglia ad anziane e nobili signore, perché “in questo libro molto c’è da capire e molto da perdonare. È il più maleducato, il più giovanile dei miei libri.” L’autore con ironia e mai lasciando andare quel pizzico di giocosità che da sempre lo hanno caratterizzato accenna al fatto che la sua opera sfiora il terreno della follia. Ci si ritrovano una serie di riscritture di testi di autori come Ibsen, Maupassant, Goethe, Balzac e molti altri ancora. Ne viene volontariamente abbassato il livello mescolandolo con espressioni dialettali. Tecnica questa che non fu apprezzata, ma fu anzi tacciata di ingenuità da molti osservatori dell’epoca per riconoscerne solo più tardi il valore.

Leggere nel nome della Rosa

Leggere nel nome della Rosa prosegue con un libro intenso scritto da Antonio Ferrara, scrittore per ragazzi con la S maiuscola. Il suo romanzo, Con una rosa in mano, pubblicato nel 2016 per Feltrinelli, è ambientato nella Cina degli anni ’80. L’immagine di copertina rimanda immediatamente il lettore a un evento simbolo della storia moderna: Piazza Tienanmen, il 3 giugno 1989. Un giovane studente ferma con il suo corpo i carri armati dell’Esercito Popolare di Liberazione.

L’autore parla ai ragazzi di oggi, che potrebbero riconoscersi nel protagonista, Wang, un giovane figlio di contadini animato dal desiderio di riscatto sociale, o nei vari personaggi secondari che compaiono scorrendo le pagine. Si parla del percorso che porta Wang e, più in generale, l’essere umano, tra dubbi, insicurezze e pensieri a seguire l’onda della ribellione. Sempre diligente, obbediente, Wang è uno studente modello. Raggiunge i compagni di studio in piazza Tienanmen solo perché incuriosito e sceglie di restare perché lì trova e conosce l’amore. Partecipa alle proteste, ma non è mai convinto fino in fondo. Lo fa solo per la volontà di preservare attimi preziosi di amicizia e di amore.

Io non ero come loro, io ero uno triste, spaventato, che forse non avrebbe neppure voluto essere là. Io non sapevo fare niente, ero incapace di rendermi utile, non sapevo parlare, né dipingere, né suonare, non ero mai stato capace di infilarmi in nessuna avventura, né di dire i miei sentimenti a una ragazza. Io forse stavo là solo per amore di Sue, per amicizia di Lu e forse perché l’università in quei giorni era chiusa.

E si ritrova a compiere la sua personale ribellione nella consapevolezza progressiva di rischiare la vita con l’occupazione di piazza. Con ciò, Ferrara evidenzia il viaggio di crescita di Wang, che lo porta a comprendere “che studiare non era stare sui libri, no, studiare era capire la vita e le persone”.

Leggere nel nome della Rosa

La città delle rose di Dalia Sofer pubblicato da Piemme nel 2008 (traduzione di Caterina Lenzi) prende avvio il 20 settembre 1981. Sono trascorsi due anni e mezzo dalla partenza dello scià Reza Pahlavi da Teheran e il ritorno dall’esilio dell’ayatollah Khomeini con il suo regime dittatoriale basato sul terrore.

È un romanzo spaccato su più fronti che riporta pezzi di vita di una famiglia divisa da un evento. Il 20 settembre 1981, due uomini armati arrestano il gioielliere Isaac Amin. Non se ne conosce il motivo. Solo quando non lo vede rientrare alla sera, Farnaz, la moglie di Isaac, teme che il marito sia stato arrestato. Da qui i capitoli si alternano. Da una parte ci sono le pagine in cui è espressa l’estrema sofferenza di Isaac, la sua paura, il terrore quando sente i colpi inferti ad altri uomini, le fucilazioni. Dall’altra parte, Farnaz si adopera per avere notizie del marito e ripercorre nostalgicamente le fasi della loro vita fin dal luogo in cui si erano conosciuti, Shiraz, la città delle rose. La storia si colora anche della presenza dei due figli. Shirin, la figlia di dieci anni, che si appropria di alcuni documenti a casa dell’amica, perché capisce che potrebbero portare all’arresto di altre persone, tra cui anche dello zio. Parviz, il figlio che Isaac ha mandato a studiare a New York prima dell’arresto e lì il ragazzo avverte tutta la diffidenza per le sue origini.

Leggere nel nome della Rosa
Di tutt’altra ambientazione è La leggenda della rosa di Natale di Selma Lagerlöf, pubblicato da Iperborea nel 2014 (traduzione di Maria Svendsen Bianchi) che ci permette, per il nostro gioco di leggere nel nome della Rosa, di atterrare nel Nord Europa per la vigilia di Natale.

Selma Lagerlöf, la prima donna a ricevere nel 1909 il Premio Nobel per la letteratura, ci regala una serie di racconti dal fascino magico. Le leggende e la cultura popolare viaggiano insieme nel segno della luce, della rinascita, nel calore del Natale. Adesso che siamo in piena primavera risulta un po’ fuori tempo massimo pensare al Natale, ma questi racconti con la loro scrittura morbida sono comunque una bella coperta da cui farsi avvolgere anche se nel caldo delle giornate primaverili.

Ed è dal primo racconto che prende il titolo il libro della Lagerlöf. Là dove si narra che un abate accetta la scommessa di vedere un giardino, dentro la foresta, dove cresce una volta l’anno un fiore meraviglioso. Solo la famiglia di briganti che vive là l’ha visto. L’abate vi si reca proprio il 24 dicembre e al primo chiarore di luce nella notte vede nascere una fiore, la rosa di Natale.

Il nostro gioco di leggere nel nome della Rosa si conclude con un romanzo d’amore, Il segreto delle rose d’autunno di Kate Lord Brown edito da Sperling & Kupfer nel 2013.

Ambientato in due momenti storici: nel 1936-1939 al tempo della guerra civile in Spagna e durante l’attentato alle torri gemelle, l’11 settembre 2001. Due snodi fondamentali che caratterizzano lo sviluppo della trama. Se durante la guerra con i repubblicani in Spagna troviamo tre donne Freya, Macu e Rosa, legate da una profonda amicizia e coinvolte in numerose disavventure di vita, nel tempo attuale ritroviamo Emma, nipote di Freya. Vive a Valencia, nella casa della madre abbandonata dai tempi della guerra civile e dà nuova vita al giardino pieno di profumi e di fiori. Di rose. Ma perché Emma, profumiera a Londra si ritrova a vivere e a riscoprire le origini della propria famiglia a Valencia? Cosa le è successo? Una casa può rappresentare oltre che un’eredità materiale anche un’eredità di ricordi, di storie, di amori impossibili e di violenze.

Vi abbiamo fatto venire la voglia di leggere uno di questi libri o di continuare a cercare altri libri che contengano nel loro titolo la parola rosa? Noi siamo curiosi delle vostre segnalazioni!

Proprio perché maggio è il mese delle rose, interessante è anche l’articolo che ripercorre l’Arte nel nome della Rosa, se invece volete sfogliare un libro per scoprire tutte le varietà di questo incantevole fiore, allora vi consigliamo di ammirare le Rose Barni attraverso gli scatti del grande fotografo Luca Bracali. Vi si aprirà un mondo di poesia!

Libro Le Rose Barni

Melissa Turchi

Leave a Reply

Your email address will not be published.