La rosa nella moda, Designer of Dreams

La rosa nella moda, Designer of Dreams

MONDO – Chiudiamo il mese della rosa con, dulcis in fundo, la rosa nella moda. Scorriamo la storia della moda partendo dalla magnifica mostra vista a Londra l’anno scorso, Christian Dior: Designer of Dreams. E parlando della rosa non si può che parlare di sogni.

La storia della rosa nella moda parte da qui?

La Rosa nella moda Mywhere

Questa copertina porta la data del ’44, ancora doveva terminare la Seconda Guerra Mondiale ma si voleva dare un messaggio di speranza con questo fiorir di rose. Ma la data da tener a mente è quella di circa tre anni dopo, quando, nel 1947, Christian Dior rivoluziona la moda con il suo New Look. Qui Dior, allo stile maschile e squadrato, oppone una moda femminile esaltando la silhouette femminile. Nasce il New Look di Dior che gli fa conquistare lo scettro di uno dei couturiers più influenti del XX secolo. La sua sagoma esagerata della corolla rovesciata conconquista tutto il mondo della moda. E devo esser sincera che, il mio sogno più grande, è proprio quello di indossare una gonna corolla firmata Dior. Ma la mostra si chiama Christian Dior: Designer of Dreams, e scorrendo tra le sale del Victoria and Albert Museum Londra mai sogno è stato più lungo.

Non voglio oggi  ripercorre tutta la storia della moda, ma quanto la Rosa sia stata compresa in essa è un discorso più semplice da affrontare se si parla di Dior che l’ha eletta a suo simbolo.

Ma avete mai pensato quanto le rose decorino e avvolgano il nostro corpo?

La Rosa nella cosmesi Mywhere

Abbiamo parlato di quanto l’estratto della rosa nella cosmesi sia predominante, poi c’è anche chi la preferisce tatuata sul corpo… Io fondamentalmente ho preferito indossarla, dalle scarpe alle borse, dagli abiti ai fermagli nei capelli, specie nel giorno del mio matrimonio, ma era argentea e spiccava nel contrasto del sandalo di plastica trasparente.

matrimonio fabiola e andrea
Foto Marco Serri

Anche se, a proposito di accessori, scarpe e borse, avrei osato anche di più, come questo décolleté di seta rosa fucsia che emerge in un rovo di rose fiorite.

La Rosa nella moda Mywhere

In Designer of Dreams sono rimasta catturata da questo bouquet fiorito sulle gonne, per non parlare poi del Dior più recente, quello capitanato dalla nostra Maria Grazia Chiuri, che nel 2016 è diventata la prima direttrice artistica femminile di Dior.

Christian Dior e la rosa foto Mywhere
La mostra al V&A Museum Christian Dior: Designer of Dreams. Foto Mywhere

La Chiuri per la Maison ha reinventato il lusso per un pubblico contemporaneo fondendolo in un mix sapiente di competenze degli atelier più prestigiosi (lei è una ex Valentino) ed il design più creativo ed impeccabile immortalato in fantastici abiti da sera. Qui, sempre nell’essenzialità e rigore, ha profuso raffinati dettagli a testimonianza della ricercatezza e dell’unicità della reale alta moda.

E chi di noi non desidererebbe indossare un abito di rose bronzee come questo?

Fabiola Cinque mostra Christian Dior

E quanto questo fiore sia stato predominante nella moda?

Se ci pensate nelle collezioni più charmant che possiamo ricordare, eccola che faceva da padrona. Il secondo abito che vedete qui in foto, sempre color carne ma con le rose ricamate, è stato disegnato da Raf Simons per la collezione Spring–Summer 2013 Haute Couture Christian Dior. Di seta ed organza con pioggia di ricami fiorati creati da perline e paillettes, è stato indossato da Nicole Kidman a Cannes Film Festival nel Maggio 2013. Qui al V&A Museum era esposto nella sezione “The Garden” che metteva in risalto l’importanza di fiori e giardini come fonte d’ispirazione per la Maison, dagli abiti al profumo.

Christian Dior Designer of Dreams Mywhere
Christian Dior Designer of Dreams, The Garden section. Photo by ADRIEN DIRAND

Bisogna essere per forza romantiche per indossare un accessorio arricchito da rose rosse?

Nelle varie fashion week ci sono state mille interpretazioni della regina dei fiori, stampata, ricamata, prepotente e preponderante su accessori e materiali. La Rosa come provocazione di una sensualità sfrontata, così come della passionalità più audace. Sempre protagonista la rosa l’abbiamo vista creativa, emergere da cespugli di voile fiorati e disseminata tra i tessuti più vari, fino a riscoprirla in applicazioni ricamate sul tulle, in una vena artistica e sofisticata che evoca la Primavera Botticelliana.

Christian Dior Designer of Dreams Mywhere

Fin qui abbiamo sognato, dando un ruolo romantico alla regina dei fiori, ma in realtà sono tante le occasioni dove, superando sensuali velature, si mostra carismatica e divertente nelle più varie interpretazioni dell’accessorio. Ricamata, applicata, dipinta o a rilievo su borse di forma e pelle tra le più varie, ecco che, se non vogliamo prenderci troppo sul serio, possiamo giocare con mille interpretazioni cool dell’accessorio più amato dalle donne.

la rosa nella moda foto Mywhere

Nella foto in alto, nel piazzale antistante il V&A Museum di Londra, ho scattato questa immagine che ritraeva la stravagante passeggera che si avviava, come me, alla mostra di Dior.

La Rosa nella moda

L’ho pedinata catturando lo scatto di questa borsa iper creativa e originale di cui, purtroppo, non ho scoperto origine e marchio. Sinceramente pensavo fosse prodotta dalla stessa casa dei miei stivali preferiti, i Dr. Martens (qui modello Vonda Embroidered Rose), ma purtroppo, quando sono andata stesso al negozio di Londra a cercarla, mi è stato risposto che il brand produce borse (almeno per ora).

la rosa nella moda foto Mywhere

Ma, sempre a proposito borse, e di ironia, in quest’occasione ho scelto di vestirmi di rosso indossando uno dei modelli Alviero Rodriguez in simil pelle con la rosa rossa dipinta a rilievo.

MyWhere Alviero Rodriguez

Ad esser sincera, dello stesso marchio, avrei preferito indossare la “la vie en rose”, ma la forma inusuale sferica, ha vinto ogni mia perplessità. D’altronde quest’altro modello, pur essendo più glamour, avrebbe dato un tocco troppo impegnativo al mio look di quella serata.

La Rosa nella moda Mywhere
Io tra gli allestimenti e sfilate di un evento wedding experience Foto Paolo Specchioli. Foto Paolo Specchioli

Bisogna per forza sposarsi per vedere adornate le nostre tavole con le rose più belle?

La storia della moda è piena di donne adornate da rose, dall’acconciatura al gioiello, dall’accessorio all’abito tutto, ma quanto questa sia presente sul tessuto o nel decoro del nostro look ci siamo soffermati poche volte a notarlo. Siamo assuefatti per l’esplosione di rose negli allestimenti del weedding, ma non sono solo le spose a desiderare tavoli ricchi dalle più belle composizioni di rose.

la rosa a tavola allestimenti weedding foto Mywhere

Per andare un pò controcorrente, e sfatare che le rose siano l’emblema esclusivo delle spose, (anche se nell’allestimento di questi due matrimoni, uno sulla costa campana, e l’altro a Palazzo Brancaccio a Roma, la rosa nelle sue sfumature ci ha regalato un profumo di romanticismo e bellezza difficilmente paragonabile), l’ho voluta ritratte anche in salotti di atelier di pret a porter.

Rose a tavola foto Mywhere

 

E poi quanto incide il diverso colore della rosa con il look che vogliamo indossare?

Nella mostra di Dior che ho visitato a Londra era un’espressione di rose e nulla mi ha colpito di più di quanto a volte, a secondo del colore, essa esprima delicatezza e romanticismo a differenza di quando, nel pieno del suo rosso più intenso, apparisse in tutta la sua trasgressiva aggressività.

Quanto con il colore porpora la rosa fosse in grado di denotare uno stile e una forza totalmente diversa da quella nelle delicate sfumature ambrate. Certo che nel nostro immaginario la rosa fa parte dell’abbigliamento di dama ottocentesche, o meglio ancora, come quella che abbiamo nominato più volte: la sensualissima e bellissima regina Marie Antoinette  con le sue acconciature architettoniche e i suoi strabordanti abiti.

la rosa nella moda Christian Dior Mywhere
V&A Museum Christian Dior Designer of Dreams exhibition The Garden section. Photo by ADRIEN DIRAND

Abbiamo celebrato così maggio, il mese della rosa, dal beauty al cinema, dalla letteratura all’arte fino a diventare musa ispiratrice nella musicacosì come nella moda.

Sappiamo bene che la rosa è protagonista nella cosmesi e spesso anche associamo la sua immagine al marchio che l’ha eletta suo simbolo. Ma non dobbiamo dimenticare che il colore delle rose determina uno specifico significato, e così le rose gialle per la gelosia, rosse per la passione, rosa per l’amicizia e bianche per la purezza si aprono a noi in questo periodo dell’anno non solo nei nostri giardini, ma sulle nostre camice, sui nostri abiti, emanando l’allegria di un profumo di una primavera speciale.

La verità è che, dopo questo lungo lockdown, i nostri sensi sono più ricettivi. Respiriamo a pieni polmoni come se non l’avessimo mai fatto prima, e dalla vista al tatto all’olfatto, siamo diventati decisamente più ricettivi. Una rinascita sensoriale coinvolge la nostra vista, regalando i colori più variopinti di questo immenso fiore. Ecco che approfitto per scorrere immagini di sfilate dove la vedo protagonista in tutte le sue variazioni.

La Rosa nella modaMywhere

Anche i nostri cuori battono una frequenza a noi sconosciuta prima, come se ci affacciassimo per la prima volta al mondo. Diamo vita così a tutti i sensi diventati più ricettivi, approfittando in suo onore, a tenere allenato anche il  gusto, viziandoci con ricette prelibate, che nutrono anche la nostra vista grazie alla ricchezza dei colori più vivi.

Gelato alla rosa foto Mywhere
Gelato alla rosa foto Mywhere

Ma in realtà ho scoperto che la rosa non è solo altezzosa e preziosa protagonista dell’haute couture, ma è desiderata in ogni sua declinazione, tanto da prediligerla anche nell’ecommerce di marchi commerciali, dall’intimo, al costume allo sportswear.

La Rosa nella moda

La Rosa Bianca, la rosa gialla, la rosa bordeaux, fucsia, amaranto, blu o violacea, e ancora, la rosa porpora di quel rosso intenso che immaginiamo solo nei film, eccola che la voglio protagonista ancora sul mio fresco abito a festa che inaugurerà la nuova fase di questa vita post covid.

Maggio è finito, ma la voglia di vestirci di rose no, tutt’altro!

La Rosa nella moda mywhere

In home page Christian Dior Designer of Dreams exhibition. Travels section Photo by ADRIEN DIRAND. Di questa sezione dedicata ai viaggi nei diversi paesi, testimonianza delle più diverse culture che hanno costantemente ispirato i vari designer alla Maison  Dior, in primo piano l’abito dedicato al Messico, con grande sombrero, e quello accanto che espone una lussureggiante rosa rossa sul black and white firmato Christian Dior.

Fabiola Cinque

Leave a Reply

Your email address will not be published.